Scheda n. 437       -       Novembre 2013      -      Riferimento n. 12 in nota





MORCHELLA ELATA Fries 1822



morchella elata gs7 20140115 1186122269Foto Sandro Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altre immagini dello stesso Genere




Sinonimi

Morchella elata var. clusii Leveillè (?) , Boletus esculentus P. Micheli (1729), Boletus esculentus var. esculentus Withering (1776), Boletus pinquis Yhore (1803), Boletus esculentus var. pinquis (Thore) Persoon (1825), Boletus esculentus var. fuligineus Persoon (1825), Morchella elata var. purpurascens Krombholz : Boudier (1897), Morchella conica var. purpurascens (Krombh. : Boud.) Boudier (1907), Morchella elata var. nivea Konrad (1923), Morchella conica var. nlgripes M.M.Moser (1949), Morchella purpurascens (Krombh. : Boud.) Jacquetant (1984), Morchella elata var. nigripes (M.M.Moser) Kreisel (1984), Morchella purpurascens var. ionoviridis Jacquetant (1985), Morchella purpurascens f. heteroparaphysa Jacquetant (1985).


Etimologia

Morchella = spugnola (dal tedesco morchel);
elata = elevata, alta (dall'omonimo aggettivo latino)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Ascomycotina, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Morchellaceae, Genere: Morchella, Sezione: Distantes, Sottosezione: Semi-Carneosae, Specie: elata.


Commestibilità

Le specie del Genere Morchella contengono sostanze tossiche termolabili per cui non vanno mai consumate se non prebollite ad una temperatura non inferiore a 70 gradi; o previa essiccazione. Le loro qualità gastronomiche fanno sì che siano molto apprezzate e ricercate in Francia.


Descrizione

Presenta un ascoma che può raggiungere i 15 centimetri di altezza, costituito da un cappello che, grosso modo, si eleva in misura uguale al piede.
La mitria è cilindrica con la sommità ottusa per divenire poi conica, raramente appuntita, con costolature sia verticali che orizzontali formate dagli orli degli apoteci regolarmente squadrati che possono debordare sul gambo senza vallecola. Colore bruno più o meno intenso, comunque più scuro lungo i bordi delle costolature.
La superficie imeniale è liscia e si posiziona all'interno delle costolature.
Gambo cavo, biancastro o color crema. Cilindrico o, in senescenza, leggermente appuntito alle estremità. Ruvido, talvolta solcato, forforaceo a causa di sottile peluria debolmente grigiastra.
La carne è elastica, debolmente brunastra, diviene rosa vinosa a contatto con fenolo diluito in acqua distillata. Sapore dolce, odore debole, gradevole.
Gli aschi (340 x 30 micron) sono cilindrici ed hanno una sommità non amiloide. Ciascun asco porta 8 spore ellissoidali, ialine, lisce, talvolta con minuscole guttule esterne; misurano 20 / 25 x 13 / 15 micron.
E' una Morchella che cresce, in primavera, isolata o in piccoli gruppi, su terreno fresco e ricco di materia organica, di solito in boschi di conifere, raramente sotto Quercus ilex.


Possibilità di scambio

In alcune recenti pubblicazioni è stata avanzata l'ipotesi brune o nerastre, tenute distinte l'una dall'altra, debbano invece considerarsi forme ecologiche di M. elata. In tal senso vanno intese M. elatoides e la M. elatoides var. elegans Jacquetant.
Simile a M. elata è M. conica Persoon (v. scheda n. 374) che, pur avendo i medesimi caratteri microscopici e l'habitat, ha costolature meno regolari.
La M. elata var purpurascens Krombholz differisce soltanto per la colorazione del carpoforo che tende al violaceo pallido.


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag.203, tav. 85/3;
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 8;
Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (2a centuria), pag. 9 n. 112;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 10 n. 7;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 162, tav. 11A;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 1160;
Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 30;
Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 26, fig. 8;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n. 355;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 212, tav. 68° in nota;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 255 in nota;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 492;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 214, tav. 59
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 213, fig. 71;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 38, n. 27;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav.149B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 619, foto n.360;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 153 n. 326;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 150;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 196, tav. 89;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 454;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 237;
Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 96;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 326, foto 713;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2013, collez. 32, tav. 1584;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 237;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 267;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 216 in nota;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 244;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 215;
Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 92;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 115, tavv. 124 e 124A;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 130, n.12 in nota;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 321;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 64;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 300, Iconografia n. 516;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 69, scheda 21 in nota;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 56;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 123;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 284;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 210;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 856 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 313, foto 83;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 966;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pagg. 27 e 28;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 44, foto 2;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 322;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 466;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 245;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 624;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 584;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.53;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 105 n. 2 in nota;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 240;
La Chiusa L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 175 in nota;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 329;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 520;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 213 n. 120;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1074.


Monografie:

Jacquetant E. : Les Morilles,ED. Piantanida, Losanna (Svizzera), 1984, pag. 92.
Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d'Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 140.



(Sandro Ascarelli)