Scheda n. 435 - Novembre 2013 - Riferimento n. 843






AMANITA STROBILIFORMIS (Quèlet) Bertillon 1866




  amanita strobiliformis gs5 20140115 1283186755Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Agaricus solitarius Bulliard (1792), Amaniya solitaria sensu Bulliard (Bulliard : Fr.) Mèrat (1791), Hypophyllum strobiliforme (Paulet ex Vittad.) Paulet (1812), Agaricus strobiliformis Paulet ex Vittadini (1832), Amanita strobiliformisVittadini (1835), Amanita solitaria (Bull. : Fr.) Kummer (1871), Amanita solitaria var. strobiliformis (Paulet ex Vittad.) Costantin & L.M. Dufour (1891), Armillaria strobiliformis (Paulet ex Vittad.) Locquin (1952), Amanita solitaria sensu NCL (1960), Amanita solitariaf. strobiliformis (Paulet ex Vittad.) Cetto (1983), Amanita strobiliformis subf. boudieroides Neville & Poumarat (1996), Amanita strobiliformis var. brunneogrisea Neville & Poumarat (2005).
Volg.: Amanita solitaria bulbosa.



Etimologia

Amanita deriva dal greco Amanos, monte tra la Cilicia e la Siria, dove si riteneva che questi funghi crescessero.
Strobilformis = a forma di strobilo, di pigna (dal latino): si riferisce alla forma di questi funghi.


Sistematica

Regno: Fungi,Divisione: Basidiomycota,Classe: Homobasidiomycetes,Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Amanitales,Famiglia: Amanitaceae, Genere: Amanita,Sottogenere: Lepidella,Sezione: Lepidella,Specie: strobiliformis.


Commestibilità

Commestibile soprattutto la carne del cappello, previa asportazione della cuticola.


Descrizione


Si tratta di una specie poco frequente e se ne trovano uno, al massimo due esemplari, ai margini dei boschi di latifoglie.
Cappello da 80 a 200 mm di diametro, di forma emisferica nel giovane, poi convessa fino a quasi spianata, con il margine appendicolato dai residui del velo generale. Il colore è bianco-crema ed è ricoperto da placche o verruche di forma quasi piramidale di colore crema grigio-ocra facilmente asportabili; la superficie è umida e brillante.
Lamelle libere al gambo, fitte, spesse ed alte, di colore bianco-crema con il filo finemente fioccoso; scarsa presenza di lamellule.
Gambo 120-200 x 20-40 mm, di forma cilindrica con ingrossamento alla base dove si osserva un bulbo napiforme ben inserito nel substrato. Solido e robusto, solo tardivamente midolloso, di colore bianco, biancastro, con la superficie asciutta e cosparsa di numerose fioccosità cremose. L'anello è bianco, fioccoso-cremoso ed evanescente, la volva è anch'essa bianca, ma poco evidente in quanto si dissocia in fioccosità che rimangono aderenti al bulbo basale.
Carne soda, bianca, immutabile, più fibrosa nel gambo e interamente più molle a maturità, odore irrilevante e sapore grato.
Le spore sono ellissoidali od ovoidali, misurano 10-13 x 7-9,5 micron e bianche in massa.
È specie estivo-autunnale, cresce spesso isolata, soprattutto nei boschi di latifoglia.



Possibilità di scambio


Il micologo italiano Carlo Vittadini ha ritenuto nel 1935, di dover tenere separate l'A strobiliformis dal più anziano Agaricus solitarius. La prima specie ha stessa consistenza e stessa conformazione della seconda ma è priva di ornamentazioni sia sul cappello che sul gambo. La moderna micologia propende, ma non senza incertezza, nel ritenere A. strobiliofrmis sinonimo di A. solitaria.
Altra specie con cui si può confondere è Amanita echinocephala, che presenta invece le verruche del cappello più decisamente piramidali e le lamelle sfumate di verde; entrambe con analoghe caratteristiche di commestibilità.



Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 17;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 15 n. 24;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 304;
Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1896, pag.15, tav. 4 bis,
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1 e 3, tav. 11;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 274 n. 926, tav. 81/1;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 101, n. 236;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 17, n. 12;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 63;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 10;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 643;
Bresadola G. : Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento 1965, pag. 110, tav. 10;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 3 n. 4, tav. 1;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 584 n. 306;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 228 n. 599;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 34;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, pag. 9, foto n. 1265;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.7;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 78;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 55;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 408;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 23;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 430;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pagg. 95 e 96;
Dermek A. : Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 171, pag. 246;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 229;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 222;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 240;
Phillips R. : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 21;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 170;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 108;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 58;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 18, foto 7;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag.126;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 120;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 21;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 35;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 137;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 299 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 298;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 242;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 85;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 79;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 56;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 182, tavv. 4 e 5;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1992, collez. 11, tav. 501;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 922, tav. 1269;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 178, foto 230;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 278 n. 843;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 8;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 24;
Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 58;
Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 21D;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 211;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 237, Iconografia n.389;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 199;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag.169;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 132, tav. 4/5;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 280;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 12;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 409, foto 698;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1133;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 230;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 154, foto 159;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 191;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 12;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 102 n. 45;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 104;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 20;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 138;
La Chiusa L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag.70;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 42 n. 57;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 57;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 56;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.120;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 29° in nota.


Monografie:

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 393, tavv. 64 e 65;
Merlo E.G. - Traverso M. : I nostri funghi: Le Amanite,SAGEP Editore, Genova, 1983, pagg.119 e 120;
Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag. 128 n. 36 e pag. 136 n. 40;
Galli R.Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 162;
Neville P. - Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol. 9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 501, fig. 81, foto 40 da A a D, Tavv. 50, 52 e 53.


(Gianfranco Sperati)