Scheda n. 429       -       Ottobre 2013        -       Riferimento n. 894





VOLVARIELLA BOMBYCINA (Sch. : Fr.) Simger 1951


Fotografia di Sandro Ascarelli
Clicca sulla fotografia per ingrandirla e per vedere altri funghi dello stesso Genere
 


Sinonimi

Agaricus bombycinus Schaeffer (1774), Agaricus bombycinus var. bombycinus Schaeffer (1774), Agaricus denudatus Batsch (1783), Amanita bombycina Persoon (1801), Pluteus bombycinus (Schaeff.) Fries (1836), Volvaria bombycina (Pers.) P. Kummer (1871), Volvariopsis bombycina (Schaeff.) Murrill (1911).
Volg. : Volvaria setosa



Etimologia

Volvariella = piccola volva che avvolge la base del piede (diminutivo di Volvarius);
bombycina = sttinente la seta, di seta (dal latino bòmbyx = baco da seta).



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Pluteales,, Famiglia: Pluteaceae, Genere: Volvariella, Specie:bombycina.


Commestibilità

Non commestibile. Da proteggere.


Descrizione

E' uno dei funghi più belli che la Natura possa offrirci e si riconosce facilmente per la cuticola del cappello bianca e setosa, per la volva alta, ampia e avvolgente e per le lamelle tendenti al rosa. E' una specie non molto comune e pertanto va protetta.
Nasce all' interno di un "ovolo" simile a quello di una Amanita, costituito dal velo generale, completamente bianco, che ben presto si frantuma permettendo al carpoforo di elevarsi, rimanendo alla base del gambo come volva ampia e avvolgente.
Il cappello è inizialmente ovoidale, poi campanulato, quasi mai completamente disteso: può raggiungere dimensioni notevoli, di solito oltre i 15 centimetri (ma si ha notizia di un esemplare con un cappello di 30 cm. di diametro!). E' carnoso. Talvolta si presenta con un umbone appena accennato. La cuticola è tipicamente bianca o bian-castra nel fungo giovane, poi acquista tonalità rosate o ocracee oppure sfumature gialline, pelosa-sericea, uniformemente decorata da piccoli ciuffi di peli che eccedono oltre l'orlo
Le lamelle sono libere al gambo, ventricose, mediamente fitte e intervallate da lamellule, all'inizio bianche, poi rosate e alla fine rosa salmone.
Il gambo è liscio, robusto, sodo, pieno; E' piuttosto slanciato, molto spesso ricurvo, attenuato verso l'apice inferiore, talvolta bulboso. Ha un colore biancastro ma tendente ad ingiallire debolmente. Alla base del gambo troviamo la volva ampia e membranosa, persistente, di colore biancastro ma che, almeno esternamente, si tinge di bianco sporco o di brunastro.
Carne compatta all'inizio, poi molliccia, biancastra con qualche debole sfumatura giallina. Reagisce al guaiaco virando lentamente al blù o al verde smeraldo; con la sulfovanillina si colora di porpora-viola in maniera fugace. Odore rafanoide, come di cetriolo o di ravanello, sapore mite, gradevole.
Spore lisce, ellissoidali, 7,5 / 9,5 x 5 / 6 μm., rosa brunastre in massa.
Si produce dall'inizio dell'estate all'autunno su tronchi o radici marcescenti o anche nelle cavità di alberi viventi , ma degradati, usualmente latifoglie.


Possibilità di scambio

I suoi caratteri morfologici (cappello bianco e setoso, volva ampia e avvolgente, lamelle tendenti a divenire rosa) sono tali da rendere difficile qualsiasi possibilità di scambio. Le altre Volvarielle non hanno la cuticola del cappello setosa ma liscia e asciutta o, in alcuni casi, viscida-glutinosa.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 277;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 656 n. 2712;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 190;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 1 e 4, tav. 526;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 246, tav. 811;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.94 n. 214;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.157;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 22;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 641;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 72 n. 607, tav. 22;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 589 fig. 87/1, tav. 46/2;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 118 n. 271;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 186;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 133, foto n.19;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 23;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 230;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 18, tav. 105;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 63;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 412;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 41, v. pag. 303;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 426, fig. 18;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 108 n. 51;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 49;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 217;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 227;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 677, foto 109;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 170;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 113;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 84;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 398;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 116;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 112;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 55;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 198;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 339;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 115
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 1005 foto n. 1369;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 170, foto 217;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 204 n.133;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 288 n. 894;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 11\3, tav.68E;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 498 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 210, Iconografia n. 336;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 204;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 364;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 134, tav. 5/14
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 158;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 154;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 730, foto 677;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1145;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 212;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 228, foto 270;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 239;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 50;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 50;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 50;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 48 n. 71
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 151;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 449;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 108, n. 378;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 226 tav. 144;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.260.


(Sandro Ascarelli)