Scheda n. 042      -      Febbraio 2009      -       Riferimento n. 38

 


GEOPORA SUMNERIANA
(Cooke) De la Torre 1976

 





geopora_sumneriana4_20120313_1480991974.jpg

 

 

 

 


clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Peziza lanuginosa Bulliard 1789, Peziza lanuginosa var sumneri Berkeley 1866, Peziza sumneriana Cooke 1876, Lachnea lanuginosa (Bull.) Gillet 1879, Lachnea sumneriana (Cooke) W. Phillips 1887, Lachnea sumneriana (Cooke) Saccardo 1889, Sepultaria sumneriana (Cooke) Massee 1895, Sepultaria sumneri (Berk.) Boudier 1907, Lachnea sumneri (Berk.) W. Phillips 1910.

 

Etimologia

Geopora = con i pori color terra (dal greco geos = terra, e pòros =poro)
sumneriana = dedicato al micologo D. R. Sumner


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Ascomycota , Classe: Hymenoascomycetes , Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Pyronemataceae, Genere: Geopora, Specie: sumneriana.


Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

Questo Ascomicete abbastanza raro, ha la particolarità di crescere in inverno o in primavera esclusivamente sul terreno in prossimità di piante di Cedro. Quando affiora ha un aspetto globoso e semichiuso poi l'apotecio si fessura e si apre distendendosi in lobi dissociati disposti a forma di stella mentre la parte che rimane semiinterrata e che racchiude la parte imeniale assume l'aspetto di una piccola scodella. L'intero carpoforo può arrivare a misurare 5 o 6 cm. di diametro.

La superficie esterna del fungo è ricoperta di ispidi peli brunastri mentre quella interna appare liscia e biancastra.

E' un fungo sessile e quindi completamente privo di gambo.

La carne è spessa e coriacea, bianca o biancastra. Non si riscontrano odori o sapori particolari.

Le spore sono contenute negli aschi che tappezzano la superficie interna del carpoforo e si disperdono con un semplice alito di vento, agevolati dalla particolare forma a scodella della parte imeniale. La diffusione delle spore per effetto di una improvvisa escursione termica può notarsi non appena si poggia il carpoforo, appena raccolto, nel palmo della mano: si potrà notare l'emissione di una leggera nuvoletta di fumo determinata dalla rapida e copiosa sporulazione. Gli aschi sono cilindrici, non amiloidi, e contengono, ciascuno, otto spore; queste ultime sono ellissoidali, allungate, lisce, guttulate, ialine e misurano 30 / 34 x 15 / 16 micron.

Cresce in simbiosi specifica con vari tipi di Cedro, in colonie anche numerose, verso la fine dell'inverno o l'inizio della primavera, su terreno reso morbido dalle piogge.


Possibilità di scambio

Esistono altre specie facenti capo al genere Geotropa, come ad es. la G. arenicola e la G. tenuis che hanno dimensioni più ridotte ed un differente habitat di crescita (latifoglie). I particolari caratteri morfologici di G. sumneriana ed il suo habitat esclusivo dovrebbero consentire una facile e corretta determinazione.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 171;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 264;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 222;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 815;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, pag. 20;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 182, tav. 389;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 22;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 518;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 142;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 244;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 273;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 311;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 95, tav. 92;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 340, foto 473;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 388, foto 306;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 134;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 137;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 38;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 291, Iconografia n. 499;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 416;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 294, foto 43;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 980;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, foto 68;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 328:

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 603.


(Sandro Ascarelli)