Scheda n. 425        -         Settembre 2013        -         Riferimento n. 48




AURICULARIA MESENTERICA (Diks ex Gray) Persoon 1822


Foto: G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi
 

Helvella mesenterica Dickson (1785), Tremella violacea Rehlan (1785), Auricularia tremelloides Bulliard (1787), Auricularia tremelloides var. tremelloides Bulliard (1787), Helvella mesenterica Bolton (1792), Thelephora mesenterica J.F. Gmelin (1792), Merulius mesentericus (Dicks.) Schrader (1794), Auricularia corrugata Sowerby (1800), Thelephora mesenterica (Bolton) Persoon (1801), Gyraria violacea (Relhan) Gray (1821), Stereum mesentericum (Bolton) Gray (1821), Dacrymyces violacea (Relhan) Fries (1822) Auricularia lobata Sommerfield (1826), Thelephora tremelloides (Bull.) Lamoure & De Candolle (1826), Phlebia mesenterica (Dicks.) Fries (1828), Tremella corrugata Schweinitz (1832), Patila mesenterica (Dicks.) Kuntze (1891), Exidia gemmata f. violacea (Relhan) Neuhoff (1936), Merulioporia violacea (Relhan) Bondartsev (1953), Meruliopsis violacea (Relhan) Bondartsev (1959).

Volg.: Orecchia mesenterica


Etimologia

Auricularia = della forma e della consistenza di un'orecchia (deriva dal latino auricula = orecchietta, diminutivo di auris = orecchio);
mesenterica = simile alla membrana dell'intestino (dal greco mesentèrion = membrana che avvolge l'intestino).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Phragmobasidiomycetes, Ordine: Auriculariales, Famiglia: Auriculariaceae, Genere: Auricularia, Specie: mesenterica.


Commestibilità

Specie di nessun valore alimentare anche se innocua.


Descrizione
 

Appartiene ad un gruppo di funghi denominati Fragmobasidiomiceti a causa dei setti trasversali presenti sul basidio, le spore sono sorrette da sterigmi che fuoriescono lateralmente dalla cellula madre (basidio) e sono insolitamente lunghi, dovendo attraversare tutta lo strato gommoso-gelatinoso costituito dall'imenoforo.
Il carpoforo misura 40-80 mm di diametro ed è solitamente resupinato sessile, talvolta lateralmente attaccato al substrato, per lo più a forma di ventaglio, sovente ravvicinato ad altri esemplari a guisa di mensoline pluristratificate.
La superficie superiore è fittamente irsuta, ispida e zonata concentricamente, colorata di grigio-bruno o bruno-olivastro, con il bordo biancastro-crema, ondulato e plurilobato; la superficie inferiore è di consistenza gommoso-gelatinosa, percorsa da venature e rugosità arrotondato-appiattite, tra di loro raccordate da congiunzioni trasversali o irregolarmente sinuoso-oblique che ricordano un disegno labirintico, subconcolore alla superficie superiore, spolverata di bianco negli esemplari maturi.
L'imenoforo è rappresentato da tutta la superficie inferiore del carpoforo.
La carne brunastra è di consistenza tenace, gommoso-gelatinosa ed elastica, spessa 4 o 5 millimetri in corrispondenza delle venature; di odore praticamente assente e di sapore mite-dolciastro.
Le spore sono cilindrico-incurvate e misurano 15-17 x 5,5-6 micron e sono bianche in massa; i basidi sono formati da due o quattro cellule separate da uno o due setti trasversali.
È un fungo saprofita lignicolo, fruttifica tutto l'anno su vecchi tronchi o su ceppaie di varie latifoglie, in particolare su Ulmus sp., Quercus sp., Acer sp. e Fagus sylvatica.


Possibilità di scambio
 

Si tratta di una specie inconfondibile. Non voglio credere che qualcuno la possa scambiare con Auricularia auricula-judae (Bull.) Wettstein, i cui esemplari sono completamente glabri, di colore bruno ed hanno forma di coppette auricolate e commestibili (vedi scheda n. 64).

 


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 3, pag. 154;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag.762 n. 8294;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 23;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5 tav. 1129/1;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 730 n. 2490;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n. 331 in nota;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 238;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 662;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 209 n. 1817, tav. 58;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 267, fig. 89B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 521, foto n.1189;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 212;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 186, tav.84;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 85;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 231;
Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, pag. 102, fig. 28;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pagg. 262 e 263;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 492 in nota;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 262;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 104;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 41;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 376;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 190;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 83;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 191;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 186, tav. 18;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 180, tav. 227;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 26, foto 3;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 624 , foto 490;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1994, collez. 13, tav. 602;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 48;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 281, Iconografia n. 482;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 373;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 322;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 230;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 198 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 319, foto 102;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1450;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 53;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 54 , foto 8;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 318;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 38;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 676;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 56 in nota;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.60;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 136 n. 16;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 676;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 520 n.1449;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 319;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 255;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 473;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 194, n. 889:
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1038.



(Gianfranco Sperati)