Scheda n. 422       -        Settembre 2013      -        Riferimento 107



POLYPORUS DURUS (Timm) Kreisel 1984




Foto di Sandro Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altre immagini dello stesso Genere.



Sinonimi

Boletus perennis Batsch (1783), Boletus durus Timm (1788), Boletus baschi J.F.Gmelin (1792), Boletus badius Persoon (1801), Grifola badia (Pers.) Gray (1821), Polyporus badius (Pers.) Schwein (1832), Polyporus picipes Fries (1838), Favolus trachypus Berkeley & Montagne (1856), Polyporus trachypus Berheley & Montagne (1856), Polyporus dibaphus Berkeley & M.A.Curtis (1872), Polyporellus picipes (Fr.) P. Karsten, Leucoporus picipes (Fr.) Quèlet (1886), Melanopus picipes (Fr.) Patouillard (1887), Polyporellus badius (Pers.) Imazeki (1989).



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Polyporaceae, Genere: Polyporus, Specie: durus.


Etimologia

Polyporus = dai molti pori (dal greco polùs = molto e pòròs = poro)
durus = duro, resistente (dall'aggettivo latino).


Commestibilità

Coriaceo e quindi immangiabile.


Descrizione

Polyporus durus Timm è conosciuto anche come Polyporus badius (Pers.) Schweinitz o come Polyporus picipes Fries.

Qualunque sia la denominazione di specie adottata, si tratta di un Poliporo lignicolo dal cappello marrone o baio scuro, nero al centro e più chiaro verso il bordo, con un corto gambo bianco in alto ma che tende a farsi brunastro verso l'estremità inferiore.

Il cappello, circolare o reniforme, talora un po' eccentrico, piano o un po' depresso al disco, si estende per un diametro di circa 15 / 20 centimetri; ha consistenza carnosa o coriacea, margine sottile e ondulato, e superficie glabra, lucente, marrone, bruno rossiccia, bruno cannella, quasi nera al centro ma più chiara verso il margine.

L'imenoforo è costituito da tubuli corti e decorrenti sul gambo e da pori piccoli, tondeggianti o ovali, inizialmente bianchi poi crema ocracei.

Il gambo, piuttosto corto, è irregolare, spesso eccentrico, a volte incurvato, cilindrico o compresso quando vari esemplari sono connati l'uno accanto all'altro, biancastro ma gradualmente bruno scuro verso la base, vellutato.

La carne è spessa, tenace, friabile nel fungo secco, bianca e alla fine crema. Sapore acidulo, non piacevole, odore forte al taglio o alla pressione, simile a quello di Scleroderma.

Basidiospore cilindriche e allungate, lisce, ialine, non amiloidi, con pareti sottili, Hanno le seguenti dimensioni: 6 / 8 x 3 / 3,5 μm. Sporata crema pallida.

Sviluppa una dannosa carie bianca che aggredisce e distrugge rapidamente la lignina della pianta ospite. Cresce dalla primavera all'estate sui tronchi di latifoglie o, più raramente, di aghifoglie, con esemplari isolati o concrescenti in gruppi più o meno appressati e numerosi.


Possibilità di scambio

La specie più vicina a P. durus può essere considerato Polyporus melanopus che differisce per avere il cappello bruno cannella, fioccoso all'inizio e poi vellutato e per il gambo un poco feltrato, nerastro, e infine per crescere spesso su terreno (in realtà su legno interrato. Tra gli altri Polipori, con il gambo in tutto o in parte nerastro, menzioniamo il P. vatius (Pers.) Fries, il P. elegans Fries, il P. nummularius (Bull. : Fr.) Courtec, il P. ciliatus Fries e il P. brumalis (Pers. : Fr.) Fries.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 352;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 147 n. 5244;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 965;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 577 n. 1908;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 606;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 142 n. 1230, tav. 42;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 537, foto n. 723;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 142, tav. 268;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 268;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 202;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 62;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 61;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 478, foto 543;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 104;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 248;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 218;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 314;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 133;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 239;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 181;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 415, tav. 165;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144 n. 107;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 371 in nota;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 689;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 92;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 204;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 314 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 362, foto 151;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1409;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 109 n. 192;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 326, foto 415;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 47;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 502;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 528 in nota;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 81;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 560 n. 1575;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1030.


Monografie:

Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Istituto di Patologia Vegetale Università degli Studi di Bologna, 1990, pag. 460.



(Sandro Ascarelli)