Scheda n. 420      -      Agosto 2013      -      Riferimento n. 1051 in nota

 

 
INOCYBE GEOPHYLLA var. LILACINA (Peck) Gillet 1876


Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere.

 

 


Sinonimi

 

Agaricus affinis Persoon (1798), Agaricus geophyllus Sowerby (1799), Gymnopus geophyllus (Pers.) Gray (1821), Agaricus geophyllus var. lilacinus Peck (1874), Tricholoma lilacinum Gillet (1874), Inocybe geophylla var. lilacina (Peck) Gillet (1876), Agaricus geophyllus var. violaceus Patouillard (1886).,  Inocybe geophylla var. violacea Patouillard (1887), Inocybe affinis (Pers.) Fayod (1893), Inocybe lilacina (Peck) Kauffman (1918)..

Volg. : Inocibe violetta

 

 

Etimologia

 

Inòcybe = testa fibrosa (deriva dal greco is, inòs = fibra delle piante e kùbe = testa).

geophyllus = lamelle color terra (dal greco gé = terra e phyllon = lamella).

Il nome della varietà lilacina deriva dal latino e si riferisce al colore del cappello.

 

Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,  Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Inocybeae, Genere: Inocybe,  Sezione: Tardae, Sottosezione: Geophyllineae, Specie: geophylla, Varietà: lilacina.

 

 

Commestibilità

 

È una specie tossica; causa la sindrome muscarinica a breve latenza. La tossina responsabile è la muscarina, un alcaloide che agisce per stimolazione del parasimpatico, passando velocemente attraverso il tubo gastroenterico. La sindrome è caratterizzata dalla presenza di vomito, diarrea, debolezza, mancanza di minzione, sudorazione profusa, riduzione della frequenza cardiaca, contrazione delle pupille, ansia. Il trattamento di cura prevede la lavanda gastrica,  la somministrazione di solfato di atropina e l’idratazione. Ripetiamo ancora una volta che tutto il genere Inocybe è da considerarsi tossico o, perlomeno sospetto.

 

 

Descrizione

 

Il cappello misura 30-50 mm di diametro ed è conico-convesso-campanulato nel giovane, con piccolo umbone, a volte subpapilliforme altrimenti ottuso-arrotondato, successivamente tende ad aprirsi, mantenendo la presenza della umbonatura; il margine è prima involuto poi diritto. La colorazione è lilla-violacea negli esemplari giovani, con lo sviluppo tende ad attestarsi su tonalità meno cariche, in genere grigio-lilla, ocracee al disco ed al margine; la superficie è untuosa e sericeo-fibrillosa.

Le lamelle sono appena adnate o attingenti-sublibere al gambo, mediamente fitte, frammiste a lamellule di diversa lunghezza, di colore lilla pallido all’inizio poi man mano ocra-grigiastre con il filo biancastro.

Il gambo misura 40-60 x 4-6 mm ed è di forma cilindroide, appena svasato in alto, leggermente dilatato alla base o con piccolo bulbo quasi marginato; la superficie è lilla-violacea, pallidescente con la maturazione, fino ad assumere toni lilla chiaro e giallini nella estremità inferiore dello stipite.

La carne è di modesto spessore, biancastra, fibrosetta ed un po’ elastica, appena lilla nella porzione alta del gambo e giallastra in quella inferiore; odore spermatico e sapore mite.

Le spore sono ovoido-ellissoidali, misurano 7,5-10 x 4,5-6,5 micron e sono ocra-brune in massa.

Cresce ubiquitaria, dal piano alla montagna, dall’autunno al primo inverno.

 

 

Possibilità di scambio

 

Si può confondere con Inocybe geophylla (vedi scheda n. 333).

 

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 258;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 784 n. 3227;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 197 n. 547;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 171;

Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 63, n. 163 tav. 30/7;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 105 n. 893, tav. 32;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 511;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 152 n. 374;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 231 A e B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 241, foto n. 528;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 129 n. 150;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 143;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 346;

Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L’Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 79;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 221;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 365 n. 275;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 320;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 190 in nota;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 339;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 631, foto n. 13;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 198;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 150;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 142;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 254;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 179;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 150;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, tav. 100 in nota;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 63;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 240;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 294;

Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 87; pag. 167;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 118;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 195;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 371;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 122;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 616, tav. 863b;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 509, foto 435;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 316. n. 1051;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 419, tav. 112;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 241;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 254;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 177, Iconografia n. 268;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 287;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 203 in nota;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 326;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 170 in nota;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 100;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 661;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 532, foto 502;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 171;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 284;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 64, foto 22;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 92;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 304;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 270 in nota;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 263;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 394 n. 135 in nota;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 304;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 368 n.1022;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 190 in nota;

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 261;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 36, n. 537.

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 884.

 

 

Monografie:

 

Alessio C.L. & Rebaudengo E. : Inocybe, Iconographia Mycologica Vol. 29, Supplementum 3, Museo Tridentino di Scienze Naturali, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1870, pag. 145, tav. 28/1.

 

 

(Gianfranco Sperati)