Scheda n. 415      -        Agosto 2013       -       Riferimento n. 131 in nota

 

 

 

RAMARIA FLAVA (Sch. : Fr.) Quèlet (1888)

 

 

 

Foto di Gianfeanco Sperati

Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altri funghi dello stesso Genere.

 

 

Sinonimi

 

Coralloides flavus Tourn. : Battarra (1755), Ramaria flava Schaeffer (1763), Corallium flavum (Schaeff.) G. Hahn. (1883).

 

Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Aphylloforomycetydeae, Ordine: Clavariales, Famiglia: Ramariaceae, Genere: Ramaria, Specie: flava.

.

 

Etimologia

 

Ramaria = attinente a rametti vegetali o di corallo (dall’aggettivo latino ramarius),

flava = gialla (dall’aggettivo latino flavus = giallo).

 

 

Commestibilità

 

Commestibile ben cotta, mischiata in modica quantità ad altri funghi perché lievemente lassativa. Utilizzare soltanto la parte carnosa del carpoforo, escludendo le ramificazioni

 

 

Descrizione

 

Le Ramarie gialle sono piuttosto difficili ai fini di una loro precisa identificazione. La Ramaria flava, ad esempio, è molto simile a Ramaria Largentii di cui abbiamo già diffusamente parlato (vedi scheda n. 171): da questa differisce solo per il colore più pallido del carpoforo e per l’habitat meno esclusivo potendo svilupparsi anche sotto latifoglie e a varie altitudini.

Alto e largo circa una ventina di centimetri, il corpo fruttifero della R. flava si presenta con una base (pseudo gambo) soda e compatta, biancastra ma soffusa di giallo verso l’inizio della ramificazioni, talora macchiato di una tenue colorazione rosa-vinosa. Dalla base sterile si diramano dei rami di aspetto coralloi-de che si dividono più volte, fragili, di forma cilindrica, di colore giallo più o meno intenso, giallo ocra in maturità, culminanti in due o tre punte ottuse le cui biforcazioni possono lasciare uno spazio vuoto (sella) a forma di “U” o di “V”;

La superficie imeniale si estende lungo tutte le ramificazione in maniera indistinta.

La carne è fragile, morbida, biancastra; sapore tenue, dolciastro (talora amarognolo), odore non sempre gradevole, di erba bagnata. Reagisce a contatto col solfato di ferro colorandosi di verde.

Spore ialine, 12 / 14 x 4,5 / 5 micron, sub cilindriche, verrucose. Sporata color crema chiaro.

Si rinviene, prevalentemente in ambiente montano, un luoghi umidi dei boschi sia di latifoglie che di aghifoglie dall0inizio dell’estate all’autunno inoltrato.

 

 

Possibilità di scambio.

 

Oltre alla R. Largentii alla quale abbiamo accennato all’inizio di questa descrizione, sono numerose le altra Ramarie gialle con le quali R. flava può confondersi: ne citiamo alcune tra le più frequenti. R. aurea(Fr.) Quèlet ha un tronco massiccio, carne mai arrossante, ramificazioni corte e molto dimidiate giallo oro o giallo uovo un po’ aranciato, spore lisce, R. sanguinea (Pers.) Quèlet che nei vecchi esemplari e allo sfregamento presenta un vistoso viraggio rosso vinoso sul tronco e nella carne, R. flavoides Schild profuma intensamente di ravanello

 

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 467;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, tav. 54/4;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 692 n.7929;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 466;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 143, tav. 37;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 1086 ;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 139, tav. 12;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 31, tav. 23;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 710 n. 2411;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.1, n.105;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 204 in nota;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 233, tav. Pag. 230;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 148;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 603;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 170 n. 1466, tav. 50;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 313, fig. 122A, tav. 6/4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 54 n. 86;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 611, foto n. 774;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 149 fig. 293;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 198 in nota;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 22;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 170 n. 76;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 116;

Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L’Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 218;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 2, pag. 116;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 50;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 80;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 333;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 482;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.392, n.872, foto 337;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 260;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, tav. 491;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 38 in nota;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 212, foto 173;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag.283;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 492;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 492;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 199, tav. 52;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 53;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 148, tav. 178 in nota;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 351, foto n. 271;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 146 n. 131 in nota;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 106;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav: 34D;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 290 in nota;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 62;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 157;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 170, tav.23/2;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 331;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto 70;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 337 in nota e pag. 338 in nota;

Thieme R: : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 43 n. 5;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.2, pag. 934;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 68;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 358, foto 464;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 440;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 208 n. 151;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 338;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 584;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 552 in nota;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 584;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 235;.

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 477;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 181, n. 758.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag.217, tav.127.

 

 

 

 

(Sandro Ascarelli)