Scheda n. 413      -      Luglio 2013      -      Riferimento n. 416

 

 

 

 

TRICHOLOMA CALIGATUM (Viviani) Ricken 1914

 

 

Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere

 

 

 

Sinonimi

 

Agaricus caligatus Viviani (1834), Armillaria caligata (Viv.) Gillet (1874), Gyrophila robusta Quèlet (1888), Armillaria matsutake Ito & Imai (1925), Tricholoma matsutake (Ito & Imai) Singer (1943), Tricholoma goliath (Fr.) Lundrll & Nannfeldt (1959),
Sphaerocephalus caligatus (Viv.) Raithelhuber [as 'caligatum'] (1980).

Volg.: Agarico calzato

 

 

 

Etimologia


Tricholoma = con l’orlo peloso (deriva dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); caligatum = calzato, con gli stivali (dall’aggettivo latino caligatus = che porta calzari militari)

 

Sistematica

 

Regno: Fungi,  Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales,  Famiglia: Tricholomataceae,  Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae. Genere: Tricholoma,   Sezione:Caligatae, Specie: caligatum.

 

 

Commestibilità

 

Specie commestibile se di sapore dolce e gradevole e in tal caso conservabile sia essiccato che sott’olio. Secondo alcuni Autori sarebbe identificabile con T. matsutake, abbondantemente coltivato e venduto in Giappone e in altri Paesi orientali.

 

 

Descrizione

 

Non è ben chiaro in letteratura se il Matsutake ampiamente prodotto e commercializzato in Giappone e nei Paesi dell’Estremo Oriente sia il Tricholoma caligatum Viviani o il Tricholoma nauseosum (Blytt) Bon; il primo avrebbe odore molto variabile e sapore amarognolo, il secondo odore composto, aromatico e sapore dolciastro. La differenza tra le due specie, tutt’altro che facile, è stata studiata ed approfondita dal micologo finlandese I. Kytövuort nel 1988 secondo il quale in Europa la produzione naturale di T. caligatum avrebbe luogo nelle regioni meridionali, lungo le coste di Italia, Francia e Spagna, mentre la distribuzione di T. nauseosum sarebbe segnalata prevalentemente nelle peccete a nord delle Alpi e in Scandinavia.

Nei primi stadi di esistenza il cappello di T. caligatum è semiemisferico per diventare poi convesso e infine appianato e disteso, qualche volta un po’ depresso al centro, aprendosi con un diametro di circa 15 centimetri. Carnoso e spesso al disco, si assottiglia verso l’orlo che rimane a lungo involuto e ripiegato su sé stesso. La cuticola, asciutta e feltrata, ha un fondo biancastro coperto da irregolari squame brune più o meno scure, più fitte al disco.

Le lamelle sono fitte, larghe, intervallate da lamellule, smarginate ed uncinate al gambo, bianche ma tendenti a macchiarsi di ocra negli esemplari maturi, imbrunenti al tocco.

Stipite abbastanza slanciato, cilindrico o leggermente svasato in basso, rigido, sodo e pieno, asciutto, bianco e pruinoso sopra l’anello, decorato al di sotto di questo da placche brune simili a quelle del cappello. L’anello è del tutto simile ad un’armilla, ascendente, membranoso, persistente, per struttura e decorazioni identico al rivestimento pileico.

Carne compatta, abbondante e soda, bianca immutabile. Odore variabile, penetrante e gradevole che ricorda a volte un misto di fiori e di frutta, a volte l’odore di formaggio Camambert. Sapore amarognolo. Reazione gialla alla sommità del gambo con la soda, lilla con la sulfovanillina.

Basidiospore sub globose e largamente ellissoidali, pluriguttulate, lisce, misuranti 6 / 7,5 x 4,5 / 6 micron. Sporata bianca.

Frequente nelle pinete delle coste mediterranee, può rinvenirsi talvolta, in estate e in autunno, anche in boschi di conifere di montagna a sud delle Alpi.

 

 

Possibilità di scambio

 

Abbiamo già accennato, all’inizio della descrizione, alla differenza non agevole tra T. caligatum e T. nauseosum. Da T. caligatum il finlandese Kytövuort ha separato anche Tricholoma dulciolens che pare distinguersi soltanto per le minori dimensioni del carpoforo e delle sue spore.

 

 

Bibliografia

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 40, tav. 35;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 75 n. 266;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1896, pag. 38, tav. 18 ,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1 e vol. 3, tav. 45;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 296, tav. 981;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 126 n. 250;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 125;

Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 127 n. 397, tav. 55/5;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 626, fig. 496;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 10 n. 63 in nota, tav. 3;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 462 fig. 218;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 347, foto n. 603;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 88;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 9, pag. 196, tav. 895;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 281;

Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L’Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 93;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 151;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 90 n. 545;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 122;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 158;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 125;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 733, foto 209;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 132;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 180;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 142;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 197;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 160;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 330;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 918 n. 1265;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 110, foto 129;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 478, foto n. 344;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 198 n. 416;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 465;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 25C,

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 160;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 141, Iconografia n. 186;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 259;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8/13;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 58;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 81;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pagg. 38 e 39;

Milagro Mata Hidalgo : Macrohongos de Costarica, Instituto Nacional de Biodiversidad, Santo Domingo, 1999, pag. 228;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 438;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.900, foto 623;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 587;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 168;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 326, foto 415;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 126;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 168;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 88;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 435;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 88;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 147;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 142 n. 334;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 93;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.70;.

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 445;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 39, n. 116;

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 506.

 

 

Monografie:

 

 

Riva A. : Tricholoma, Fungi Europaet n. 3, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 400 tav. n. 68, Fungi Europaet n. 3°, Ed. Candusso, Alassio, 2003, pag, 751 tavv. 83° e 83B;

Bon M. : Les Tricholomes et ressemblants, Documents mycologgiques Mèmoire hors sèrie n. 2°. CRDP Amiens, France, 1991, pag. 89;

Galli R. I Tricolomi, Edinatura, Milano 1999, pag. 226, v. anche tavola in controco-pertina.

 

 

 

(Sandro Ascarelli)