Scheda n. 406      -       Giugno 2013       -       Riferimento n. 1376



RUSSULA FRAGILIS (Pers. ex Fr.) Fr. 1838



Foto Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere




Sinonimi

Agaricus fallax Schaeffer (1774), Agaricus fragilis Persoon (1801), Agaricus linnaei var. fragilis (Pers.) Fries (1815), Russula fragilis Fries (1838), Russula fallax (Schaeff.) Fries (1874), Russula fragilis var. violascens Secretan . ex Gillet (1876), Russula emetica var. fragilis (Pers.) Quèlet (1888), Russula fragilis var. fallax (Schaeff.) Massee (1893),. Russula emetica subsp. fragilis (Pers.) Singer (1932), Russula bataillei Bidaud & Reumaux, (1996).
Volg.: Colombina fragile


Etimologia

Russula = piccola rossa (deriva dal latino);
fragilis = fragile (dall'aggettivo latino), allude alla consistenza della sua carne e delle sue lamelle.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sottogenere: Russula, Sezione: Russula, Sottosezione: Atropurpurineae, Specie: fragilis.


Commestibilità

È specie da non consumare perché molto acre.


Descrizione

È una specie che incontro comunemente dalla costa alla montagna. La riconosco, oltre che per la fragilità della sua carne e delle sue lamelle, anche per l'odore netto di cocco, avvertibile però solo negli esemplari asciutti e adulti. Inoltre l'assaggio smentisce il buon odore perché risulta piuttosto piccante.
Il cappello misura 30-70 mm di diametro ed è inizialmente convesso poi spianato e depresso al disco; il margine è a lungo liscio poi brevemente scanalato e leggermente striato; la cuticola è separabile fino oltre la metà del raggio, liscia, brillante e lubrificata, con il secco diviene finemente pruinoso-granulosa; è colorata di rosa-violaceo, lilla-rosa-violaceo o vinoso-bruno-olicaveo con il centro sempre più scuro e bordo molto spesso decolorato su toni grigio-verdi-olivacei.
Le lamelle sono rotondato-annesse o sublibere, sottili ed intervallate da vene sul fondo, spaziate e qua e là forcate, inizialmente si presentano bianco-candide poi biancastro-crema pallido, con filo generalmente eroso-seghettato.
Il gambo, di 20-60 x 6-20 mm, è cilindraceo o debolmente subclavato, leggermente svasato alla sommità, pieno poi midolloso-spongioso, cassante alla frattura, esternamente prima liscio poi rugosetto, comunque sempre asciutto; il colore è all'inizio bianco poi biancastro, negli individui maturi tende al crema-giallastro a partire dalla zona basale.
La carne è sottile, fragile e cassante, di colore bianco, ingiallente nei vecchi esemplari, con odore tipico di cocco e sapore nettamente acre al primo assaggio.
Le spore sono subglobose od ovoidali, misurano 7-9 x 6-8 micron e sono quasi bianche in massa.
Cresce da fine estate all'autunno inoltrato, sia in boschi di latifoglia che in quelli di aghifoglia, nelle zone muscose o in luoghi particolarmente umidi.


Possibilità di scambio

Si può confondere con Russula betularum che si rinviene spesso sotto betulle, anche se in genere ha colorazione più sbiadita ed anche con Russula gracillima che è simile nell'aspetto e cresce negli stessi luoghi. Tuttavia, ambedue queste specie hanno il filo lamellare continuo. Anch'esse non sono commestibili.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 56;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 472;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 343;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 100;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 442;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 48 n. 173, tav. 19/3;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 468 n. 1532;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 73;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 244 n. 843 tav. 98/2;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 173 in nota;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 376, tav. 24;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 412;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 168B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 357, foto n. 1079;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 142 fig. 242;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas tav. 133;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 5, pag. 100, tav. 445;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 31B;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 190;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 161;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 460, fig. 651;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 446;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 476
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 702, foto 343;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 270;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 336;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 156:
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 99;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. BC4, tav. 143;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 34 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 72;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 296;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 109;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 391 n. 557;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 406;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 374 n. 1376;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 250, Iconografia n. 414;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 318;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 247;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 185;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 129;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 775 foto 814;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 297;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 322
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 178, foto 138;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 107;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 122;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 464;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 389;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 291;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 444 n. 1242;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 135 in nota;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 398;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 128, n. 293.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 232.


Monografi

Blum J. : Les Russules, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 141;
Romagnesi H. : Les Russules d'Europe et d'Afrique du Nord, Bordas, France, 1967, pag. 484, figg.456, 457, 458 e 459;
Foiera F., Lazzarini E:, Snabl M., Tani O. : Fumghi Russule, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 150 n. 47;
Galli R. : Le Russule, Edinatura s.r.l., Milano, 1996, pag. 214;
Sarnari M. : Monografia illustrata del Genere Russula in Europa, Ed. Gruppo Micologico Bresadola, Trento, 1998, vol. 1, pag. 503.




(Gianfranco Sperati)