Scheda n. 397 - Maggio 2013 - Riferimento n. 1371




RUSSULA EMETICA (Sch. ex Fr.) Persoon 1796



Foto di Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi
 

Agaricus emeticus Schaeff. (1774), Amanita rubra Lamour (1783), Agaricus ruber (Lam.) De Candolle (1805), Agaricus linnaei var. emeticus (Schaeff.) Fries (1815), Russula rubra (Lam.) Fries (1838), Melanoleuca russula (Scop.) Murrill (1914), Russula emetica var. gregaria Kauffman (1918), Russula gregaria (Kauffman) Moĕnne-Locc. & Reumaux. Volg.: Colombina rossa


Etimologia

Russula = "piccola rossa", rosseggiante (dal latino diminutivo di russus = rosso);
emetica = che provoca il vomito, per le sue proprietà (dall'aggettivo latino emeticus).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sottogenere: Russula, Sezione: Russula, Sottosezione: Emeticineae, Specie: emetica.


Commestibilità

È specie da non consumare perché velenosa, in quanto provoca sindrome gastrointestinale.


Descrizione
 

In alcune regioni d'Italia alcuni esemplari di questa specie vengono aggiunti durante la preparazione culinaria dei funghi commestibili a mo' di peperoncino, ma questa pratica è assolutamente da sconsigliare perché molto pericolosa.
Il cappello misura 8-10 cm di diametro ed è fragile, all'inizio globoso, poi convesso e infine spianato più o meno leggermente depresso al centro, di colore rosso vivo, rosso rosato ed anche con sfumature biancastre od ocracee molto chiare; la cuticola è liscia, un po' viscosa e brillante.
Le lamelle sono più o meno fitte, elastiche, libere o un po' decorrenti, bianche e, negli esemplari adulti, di colore paglierino.
Gambo di 6-10 x 1,2-2 cm, cilindrico, spugnoso e fragile; inizialmente pieno e compatto, poi cavernoso, infine cavo; bianco, ma col tempo tende ad ingiallire.
Carne immutabile, fragile e molle, leggermente rosa o rossastra sotto la cuticola. Odore fruttato, per alcuni come di cocco, per altri mentolato, sapore molto acre.
Le spore misurano 9-10,7 x 7,5-8,5 micron e sono globose oppure subovali, echinato-reticolate, bianche in massa.
E' un fungo simbionte; cresce in estate-autunno in luoghi umidi, solitario o in gruppi, spesso in terreno paludoso e nelle torbiere, in boschi di latifoglie o di conifere (predilige Picea excelsa).


Possibilità di scambio
 

Fra le specie simili, sempre con sapore acre, distinguiamo: R. griseascens (Bon & Gaugè) Marti, specie sfagnicola, minore, con carne ingrigente per umidificazione e spore assai più piccole e finemente ornate; R. nana Killerman, tipica delle microsilve alpine; R. mairei Singer, dei boschi freschi di latifoglie, ha con predilezione per il faggio e le lamelle lasciano trasparire un riflesso glauco, incostante ma caratteristico; infine R. silvestris (Singer) Reimaux, cresce in terreni più asciutti, su tappeti muschiosi alla base di querce, castagni o pini.
R. emetica può essere confusa anche con specie commestibili dolci, come Russula paludosa Britzelmayr, ma in questi casi basta l'assaggio.
 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 56;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 469 n. 1841;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 342;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 100, tav. 14;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 435;
Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 74 in nota;
Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 38, tav. 5, fig. 20;
Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 28, fig. 15;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 48, tav. 174;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 468 n. 1534;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 72;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 244 n. 362, tav. 98/1;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1876;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 172, tav. 40;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 131, tav. pag. 139;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 83;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 647;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 61 n. 513, tav. 19;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 376, tav. 24
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 412;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 12/B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 415, foto n. 644;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 142, fig. 243;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 133;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 5, pag. 80, tav. 435;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 29;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 190;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag.160;
Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 94;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 460;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 444;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 107;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 474;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 701, foto 328;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 270;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 31;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 335;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 312, foto 269;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 140;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag.156;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 99;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 33;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 283;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 170-171 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 70;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 350;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 152;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 296;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 108;
Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 111;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 387, n. 550;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 372 n. 1371;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 550, tav. 181;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 414;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 93;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 249, Iconografia n. 413;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 316;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 246;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150, tav. 13/3;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 184;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 140;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 128;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 753;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 772, foto 777;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 295;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 32;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 164, foto 124;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 248;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 244;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 107;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 133;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 239 in nota;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pagg. 84-85;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 458;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 386;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 440, n. 155;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 159;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 233 in nota;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 446 n. 1250;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 158;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 224.



(Gianfranco Sperati)