Scheda n. 395      -       Maggio 2013      -       Riferimento n. 533





COLLYBIA CONFLUENS (Pers. ex Fr.) Kummer 1871




Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Geenere



Sinonimi

Agaricus confluens Persoon (1796), Agaricus ingratus Schumacher (1803), Agaricus archyropus Persoon (1828), Marasmius archyropus (Pers.) Fries (1838), Collybia ingrata (Schumach.) Quélèt (1872), Marasmius confluens (Pers.) P. Karsten (1889), Marasmius hariolorum sensu Rea (1922)ù, Gymnopus confluens (Pers.) Antonín, Halling & Noordeloos (1997).
Volg.: Collibia confluente


Etimologia

Collybia = monetina ( dal greco kóllybos = piccola moneta);
confluens = confluente con altri, (dal latino) a causa dei gambi cespitoso-aggregati.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidio-mycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia, Subgenere: Dryophilopsis, specie: confluens.


Commestibilità

Fungo commestibile se i gambi duri vengono rimossi.


Descrizione
 

Questa specie è sotto studio in varie parti del mondo perché contenente principi in grado di inibire la crescita di batteri, di bloccare la propagazione di alcuni tipi di virus, di avere effetti ipoglicemizzanti nei ratti diabetici e di abbassare il livello del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue.
Il cappello misura 2-5 cm di diametro e da convesso diviene campanulato per poi distendersi, allargandosi fino a divenire quasi piatto, lasciando a volte al centro un basso umbone; il colore varia da beige fino al marrone chiaro ed al bruno-rossastro; la superficie è glabra, igrofana, leggermente striata al margine a tempo umido.
La carne è sottile, flessibile e bianca di colore, l'odore è cianico.
Le lamelle sono numerose, adnate, annesse o quasi libere, sottili, strette e di colore crema.
I gambi sono lunghi 4-10 cm e 0,2 - 0,6 cm di spessore; snelli, cilindrici o compatti, uguali o leggermente allargati alla base, tenaci, elastici, cavi e sono coperti di peli grigiastri, rossastri e marroni nella parte terminale; la superficie è asciutta.
Le spore misurano 7-9 x 3,5-4 micron e sono ellittiche, lisce, intere, ialine, non amiloidi, bianche in massa.
È specie che cresce gregaria o cespitosa con gli esemplari spesso raggruppati, saprofita, a volte in cerchi delle streghe, sul terreno acido tra le foglie cadute vicino a latifoglie o conifere, comunemente presente in estate-autunno.


Possibilità di scambio

Può essere scambiato con Marasmius oreades, (vedi scheda n. 127), i cui esemplari però sono gregari ma isolati uno dall'altro. Somiglia anche a Collybia dryophila, (vedi scheda n. 192) ma quest'ultima è specie cespitosa con i gambi più corti e non appressati.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 123;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 222 n. 816;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 204;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 66, n. 236, tav. 24/2;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 522 n. 1719;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 211 n. 737, tav. 86/1;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 117, foto n. 275;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 91 nota.
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 89; fig. 154;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 152;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 157;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 754, tav. 24;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 142;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 308
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 219;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 168, foto 142 nota;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 54;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 42;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 198;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 93;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 735, tav. 1012;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 220 n. 533;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 69, tav. 44;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 286;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 660;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 178;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 117;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 151;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 243;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 41;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 113;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 496 nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 656, foto 346;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 642;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 179;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 187, foto 174;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 68;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 67;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 216, n. 160 nota;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 168;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 218;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 165;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 210 n. 537;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 95;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 426;



(Gianfranco Sperati)