Scheda n. 029      -      Gennaio 2009      -      Riferimento n. 1005



HEBELOMA SINAPIZANS
(Paulet) Gillet 1878





hebeloma_sinapizans_20120314_1995913343.jpg


 

 


Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere




Sinonimi

Hypophyllum sinapizans Paulet, (1793), Agaricus grandis Persoon (1825), Agaricus sinapizans Fries (1836), Hylophila sinapizans Quèlet (1886), Hebeloma sinapizans (Fr.) Saccardo (1887), Hylophila crustuliniformis var. sinapizans Quèlet (1888).
Volg. : Ebeloma a crosta di pane, Puzzone


Etimologia

Hebeloma = con l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
sinapizans = color senape (dal latino sinapis)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Specie: sinapizans.


Commestibilità

Tossico. Provoca irritazioni gastrointestinali.


Descrizione

Hebeloma sinapizans si distingue per un carattere particolare (peraltro comune anche a qualche altra specie di Hebeloma): sezionando il carpoforo con un taglio che dal centro del cappello scende lungo tutto il gambo, si noterà nella carne, al punto di intersezione del cappello con il gambo, una linguetta conica, una specie di stalattite, rivolta verso la cavità dello stipite. Gli altri caratteri macroscopici sono abbastanza monotoni.

Il cappello, carnoso, può avere un diametro variante tra i 5 e i 12 cm. Inizialmente è convesso, poi si presenta pianeggiante ma sovente con un grosso umbone largo e ottuso. La cuticola, leggermente viscida col tempo umido, ha un colore da bruno giallastro con toni carnicini fino a fulvo-cuoio, sempre più chiaro verso l'orlo che è sottile e a lungo involuto.

Lamelle smarginate e molto fitte, inizialmente biancastre tendenti poi al nocciola.

Il gambo si eleva per un'altezza più o meno pari al diametro del cappello e si allarga verso l'estremità inferiore. Da principio è sodo e compatto ma presto diviene farcito e cavo e lascia intravedere, alla sezione, la linguetta di cui abbiamo fatto cenno precedentemente. Il colore è crema o nocciola chiaro e ricoperto per tutta la sua lunghezza da pruina e da piccole squame.

Carne da biancastra a nocciola con odore rafanoide e sapore amaro.

Spore amagdaliformi, 10/12,5 x 6,7/ 8,7, decorate da minuscole verruche. Sporata color nocciola.

E' un fungo abbastanza comune, autunnale, gregario, che predilige i boschi di latifoglie ma non in maniera esclusiva.


Possibilità di scambio

E' possibile confondere H. sinapizans con altre specie appartenenti al genere Hebeloma, tutte non commestibili. Ricorderemo H. crustuliniformis che ha il cappello molto più chiaro e le lamelle che secernono delle goccioline opalescenti che depositandosi sulla parte alta del gambo ed essiccandosi lo rivestono di minute granulazioni, H. quercetorum, specie di taglia minuta e col gambo pruinoso.

Altre possibilità di scambio possono prodursi, soprattutto per una colorazione pileica molto simile, con alcuni Cortinari (che però hanno una evidente cortina a protezione delle lamelle) e con Tricholoma acerbun che però è un leucosporeo (ha cioè sporata bianca), ha un odore leggero e non rafanoide e sapore astringente.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 799;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.92;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav.713;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 43, pl. 2;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 108;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 257;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 280;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 107, nota;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 519, fig. 256;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 158, fig. 392;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 71/A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 455;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 119, tav. 48;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 135;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 356;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 108;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 247, fig. 381;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 181, tav. 85;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 458;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 340;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 191;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 360;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 135;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna,1982, pag. 255;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 141;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 177;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 146;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 125;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 181;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 168;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 228;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 299;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 110;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 170;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 128;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 608, tav. 852;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 292, foto 895;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 581, foto 447;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 308;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 433, tav. 119/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 209;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 114;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 282;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 258;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 182, Iconografia n. 282;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/16;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 331;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;

Gerhardt E., Vila J. e Llimona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 648;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 511, foto 594;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 160;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 287;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 122;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 223;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 142, foto 86;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 292;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 264;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 256;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 388;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 132;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 214;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 358 n. 991;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 196;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 159.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 239;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  5, pag. 182,  n. 525.

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 856.

(Sandro Ascarelli)