Scheda n. 028       -       Dicembre 2008       -       Riferimento n. 292



CLITOCYBE ODORA
(Bull. : Fr.) Kummer 1871




clitocybe_odora-2_20120314_1760493431.jpg






Foto di S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi


Agaricus virens Scopoli (1772), Agaricus viridis Hudson (1778), Agaricus odorus Bulliard (1784), Agaricus moschatus J.F. Gmelin (1792), Gymnopus odorus (Bull.) Gray (1821), Agaricus suaveolens sensu Fries (1821), Agaricus trogii Fries (1838), Psalliota aeruginosa (Curtis) P. Kummer (1871), Clitocybe viridis (Huds.) Gillet (1874), Geophila aeruginosa (Curtis) Quèlet (!886), Omphalia viridis Quèlet (1886), Clitocybe trogii (Fr.) Saccardo (1887), Clitocybe virens (Scop.) Saccardo (!887), Clitocybe odora var. alba J.E.Lange (1930), Lepista odora (Bull.) Harmaja (1976), Rubeolarius odorus (Bull.) Raithelhuber (1981), Clitocybe odora var. fallax Kuyper  (1996).
Volg. Anicino, fungo dell'anice.




Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sezione: Odorae, Specie: odora.


Etimologia

Clitocybe = testa inclinata (dal greco klitus = pendio e kube = testa),
odora = odoroso, per l'odore intenso di anice.


Commestibilità

C. odora è un fungo commestibile ma l'intenso aroma anisato che rimane anche dopo cottura, ne sconsiglia l'utilizzazione gastronomica. A chi piace un piatto di funghi al sapore di anice, può aggiungerne qualche esemplare al misto. Secondo alcuni, potrebbe essere usato per farne un gelato di fungo dal sapore di anice.


Descrizione

Il cappello è inizialmente convesso poi piatto e a volte lievemente umbonato; può raggiungere un diametro di 5 o 6 centimetri. Ha un bel colore verde tenero con sfumature azzurrine o color acciaio tendente a sbiadire e a ingrigire invecchiando. La cuticola è asciutta, liscia, un po' igrofana.

Anche le lamelle sono glauco-verdastre, mediamente fitte, intervallate da lamellule, adnate o di poco decorrenti sul gambo.

Lo stipite può raggiungere i 6 centimetri di altezza ed è cilindrico, farcito e poi fistoloso, di poco più chiaro del cappello. A volte risulta un po' ingrossato alla base che è tomentoso e biancastro per i residui miceliari che inglobano i residui vegetali del terreno.

Carne biancastra o verdina con odore persistente e caratteristico di anice; sapore aromatico, un po' amarognolo.

Spore ellissoidali con base ottusa, 6/8 x 4/5,5 micron. Sporata color crema.

Può crescere in più esemplari in boschi di latifoglie o di aghifoglie, prediligendo le lettiere umide e soffici,  dall'estate al tardo autunno.


Posssibilità di scambio

L'odore aromatico ed il colore del carpoforo  ne rendono facile l'identificazione.  La C. odora forma alba è più bianca che verde, la C. odora forma viridis è un po' più scura ed ha lamelle biancastre: hanno le stesse proprietà organolettiche della forma tipica. Altre Clitocybi come C. suaveolens e C. obsoleta hanno profumo di anice ma le colorazioni del carpoforo sono diverse  e, dal punto di vista gastronomico, sono considerate senza interesse. Il colore del carpoforo potrebbe indurre allo scambio con Stropharia aeruginosa , non commestibile (vedi scheda n. 6) ma il colore delle lamelle e soprattutto il caratteristico odore della C. odora sono tali da far ritenere molto improbabile un'eventuale confusione tra le due specie.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 90;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 153;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa  Ed. Massimo Candusso, Alassio, 1996, pag. 66, tav.51;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 140;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 330, tav. 100;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 274;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tav. 85;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.107, tav a pag. 77;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 624, tav.12;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 450;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92, fig. 188;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 97;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 151;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 118, fig. 63;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 133, pl. 96;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 148;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 64, foto 128;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 192A;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 270;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 80;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 137;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 49;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag.170;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 107;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 140;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 108;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 750,  foto 350;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 122;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 87;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 158;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 185;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano, 1982, pag.178, foto 152;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 12;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 133;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 48;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6, pag. 337;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 30;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 87;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag.180;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 136;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 163;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 120;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 63;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 793, tav. 1101;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 100, foto 113;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 147, foto 79;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 176;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 51, tav. 34/A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 118;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 66;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 148;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 148;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n. 170;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 179;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142, tav. 9/8;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 206;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 84;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 39;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 399;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 865, foto 271;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 38;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 153;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 172;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 154;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 62;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 146;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 212;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 128;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 218;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 95.

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ) 2007, pag. 95;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa.
DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 85;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 152 n. 365;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 118, 

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 83.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 101;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  3, pag. 31,  n. 227.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 83,

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 566.


(Sandro Ascarelli)