Scheda n. 092      -      Ottobre 2009      -      Riferimento n. 1408




RUSSULA CYANOXANTHA 
(Schaeffer) Fries


Russula cyanoxantha

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus cyanoxanthus, Russula cutefracta, Russula langei.
Volg. Colombina grande, Colombina maggiore.

 Etimologia

Russula  =  piccola rossa (dal latino, diminutivo di russus  = rosso),
cyanoxantha = turchino e giallo (dal greco kuanòs = azzurro, e xanthòs = giallo)

Sistematica

Regno: Fungi,  Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Russulales,,  Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sezione: Heterophyllae, Subsezione: Cyanoxanthinae,  Specie: cyanoxantha.

Commestibilità

Buon commestibile. Gli esemplari freschi e giovani possono essere consumati anche crudi, in insalata.

 Descrizione

E’ una Russula a carne dolce e quindi commestibile di buon pregio, redditizia  perché carnosa e di dimensioni a volte notevoli.

Il cappello può raggiungere un diametro di circa 15 cm. e si presenta, soprattutto all’inizio, duro e compatto; da subgloboso tende con l’età a distendersi, ad appiattirsi e a presentare una lieve depressione centrale. Il margine rimane un poco incurvato ed è completamente liscio. La cuticola, grassa e brillante col tempo umido, può essere asportata fino a metà del diametro lasciando intravedere la carne sottostante, quasi sempre di color lilacino. I colori della superficie pileica sono molto variabili, dal violetto al verde bluastro, al verde oliva, al grigio verde, all’ocra-brunastro, spesso frammisti tra di loro: nella forma cutefracta, la cuticola può presentarsi grossolanamente screpolata.

Le lamelle sono bianche, lardacee, abbastanza fitte, arcuate e poi adnate e infine leggermente decorrenti. Intervallate da lamelluile verso il margine possono apparire biforcata.

Il gambo, duro e compatto quando il carpoforo è ancora giovane, tende a farsi farcito a causa di un midollo cotonoso che ne riempe le cavità. Il candore del primo stadio tende poi ad ingrigire ed eventualmente a divenire brunastro in vecchiaia o se imbibito di acqua; vi si possono rintracciare sfumature color lilla chiaro. Ha forma cilindrica o di poco più grossa verso la base.

Carne cassante, lilacina sotto la cuticola del cappello, altrove bianca. Odore poco avvertibile, sapore mite. Reazione forte e rapida con guaiaco. Con anilina le lamelle si colorano lentamente di arancio.

Le basidiospore sono ovoidali, con evidente poro germinativo, ricoperte da minuscole verruche rotonde. Misurano 7 / 9 x 5,5 / 7 micron. La sporata è bianca.

Russula cyanoxantha è specie ubiquitaria che cresce, dalla primavera al tardo autunno, sia sotto latifoglie, sia sotto aghifoglie.

Possibibità di scambio

Le varietà cromatiche della R. cyanoxantha possono ingenerare confusioni con diverse altre specie di Russule, come ad es. con la verde R. heterophylla, con la R. grisea la cui cuticola può talvolta assumere una colorazione lilacina, con la R. ionochlora dai colori viola, verde e gialla. Ad evitare possibilità di scambio con Russule acri e piccanti converrà fare attenzione alle lamelle cedevoli al tatto e di consistenza untuosa e lardacea, alla colorazione lilacina rinvenibile sotto la cuticola del cappello, all’assenza di tonalità rossastre sul gambo e soprattutto al sapore dolce e gradevole della carne. La reazione al solfato ferroso è negativa.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 465;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 347;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 98, tav. 15

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  4, tav. 423;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 74, tav. 7;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 41, tav. 16/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 462;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 230;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 25, tav. 45;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1876;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 165, ill. 34;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 132, ill. pag. 141;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 88;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 646;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag.80, tav. 45;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 63, tav. 20, n. 533;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 371, tav. 21 ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 196;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 15;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 190;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 132;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 201;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 116, tav. 49;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 35;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 202;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 100;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 443;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 59;

Moser M.  : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 434;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 113;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 464;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 707,  foto 348;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 264;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 19;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 333;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 340, foto  293;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 44;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 157;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 97;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 37;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 268;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 166;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 56;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  338;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 151;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 100;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 300;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 103;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 350, foto  495;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 192, foto 121;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 380, n. 1408;

Lange J.E.  : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 813, tav. 187D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 409;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 40;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 315;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 44A;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 86;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 244, Iconografia n. 398;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 110;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 245, foto pag. 63;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150,  tav. 13/14;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 180;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 147;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 124:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 758;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 743, foto 805;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  1, pag. 301;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000,  pag. 305, foto 136;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 310;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 156, foto 115;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 33 e 244;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 242;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 197;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 125;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 309;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 258;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 444;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 383;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 295;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 448, scheda n. 159;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 167,

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 136.

Monografie:

 Blum J. : Les Russules, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 65, fig. 40;

Romagnesi H. : Les Russules d’ Europe et d’Afrique du Nord, Bordas, France, 1967, pag. 268, fig. da 67 a 72;

Foiera F., Lazzarini E:, Snabl M., Tani O.  : Funghi Russule, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 72;

Galli R. : Le Russule, Edinatura s.r.l., Milano, 1996, pag. 74;

Sarnari M. : Monografia illustrata del Genere Russula in Europa, Ed. Gruppo Micologico Bresadola, Trento, 1998, vol. 1, pag. 233.


(Sandro Ascarelli)