Scheda n. 054      -      Aprile 2009     -     Riferimento n. 75



HERICIUM ERINACEUS
(Bull. : Fr.) Persoon


 

hericium_erinaceum_edited_20120314_1078033204.jpg






Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Hericium ramosum, Hydnum erinaceus, Dryodon erinaceus,
Volg. : Riccione

Etimologia

Hericium = attinente al riccio,
erinaceus = (dal latino = riccio)

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione: Amastigomycota. Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Aphyllophoriales (Poriales), Famiglia; Herinaciaceae, Genere: Hericium. Specie; erinaceus.

Commestibilità

Commestibile, cotto, soltanto se giovane.

Descrizione

Sia la denominazione di genere quanto quella di specie mettono in evidenza la peculiarità di questo fungo: quello di avere l'aspetto di un riccio (tanto da essere chiamato in volgare "riccione") fitto com'è di lunghi aculei biancastri. Forse potrebbe anche far venire in mente una specie di parrucca, dai lunghi capelli bianchi, appesa al ramo di un albero, così come una specie assai prossima (Hericium caput medusae) ricorda la capigliatura arruffata della mitologica Medusa.

Il carpoforo, grande anche 20 cm., prima completamente bianco, poi giallognolo, si compone di un supporto sessile a forma di spatola o di tubercolo ovoide dall'interno cavo, rivestito di aculei robusti, pendenti, lunghi 4 o 5 cm, concolori ed imbrunenti sulle punte a maturità.

La carne è dapprima compatta ma ben presto aprentesi in piccole cavità radiali non comunicanti tra loro, bianca poi giallina verso l'estremità. Odore fungino pronunciato, sapore dolciastro.

Spore guttate, lisce o finemente verrucose, di forma ovale, con parete spessa, incolori. Misurano 5 / 6,5 x 4 / 5,5 micron.

E' un fungo raro che cresce di solito isolato, su legno marcescente di latifoglie come quercie, noci, meli, platani, faggi, ecc. E' specie tardiva che si produce dal tardo autunno all'inverno inoltrato.

Possibilità di scambio

Si conoscono almeno altre tre specie di Hericium: l' H. clathroides di dimensioni molto più modeste, con aculei corti e non ramificati e crescente quasi esclusivamente su vecchi tronchi di faggio, l' H. coralloides, con aculei che si ramificano come i coralli e che predilige il legno di abete, e l' H. caput medusae di cui già abbiamo fatto cenno ma che, secondo alcuni Autori, sarebbe soltanto una forma intermediaria di crescita delle specie precedenti.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 407;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 478;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 438;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 141;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  5, tav. 1060;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 636;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1834;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 224;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 604;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 161, tav. 48 n. 1394;

Heim R. : Champignons d' Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.284, fig. 96, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 224, fig. 590;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n. 1160;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 176, tav. 193;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 4,  foto 336;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 95;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 430, foto 547;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 88;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 156;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 467;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 245;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 491;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 93;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 312;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 64;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 119;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 150;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 174;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 185 n. 237;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto  26;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 328, foto 249;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 140 n. 75;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 171;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 91;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 70, Iconografia n. 24;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, fig. pag. 89;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 314;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 251;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 342, foto 110;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 71;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 238;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 296;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 572.

 

(Sandro Ascarelli)