Scheda n. 046      -      Marzo 2009      -      Riferimento n. 355




LACCARIA LACCATA
(Scop. : Fr.) Cooke




laccaria_laccata_v__moelleri_20120313_1220143063.jpg

 

 

 



clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Agaricus mitis, Clitocybe laccata..

Etimologia

Laccaria = attinente alla vernice (dal persiano lak),
laccata = (dal latino laccatus) per l'aspetto della superficie pileica simile alla lacca.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Laccarieae, Genere: Laccaria, Specie: laccata.


Commestibilità

Fungo commestibile ma poco carnoso e di scarso valore organolettico. Il gambo va comunque asportato perché coriaceo. Può essere usato per dare una nota di colore al misto o al sott'olio.


Descrizione

L. laccata è un fungo di dimensioni modeste che ha una struttura molto simile a quella di L. amethystina (vedi scheda n. 18, nov. 2008) ma ne differisce per il colore rosato o lievemente aranciato, simile a quello di un cannello di ceralacca.

Il cappello (1 a 4 cm. di diametro) da emisferico tende a divenire appianato e a presentare a volte una piccola depressione centrale. La cuticola è liscia, opaca e separabile e può assumere un colore rosa-carnicino, rosa-brunastro con sfumature aranciate che con l'età o il tempo secco tende a sbiadire fino a diventare quasi biancastra. Il margine è sottile, arrotondato, costolato e via via irregolarmente striato.

Le lamelle sono larghe, spaziate, ineguali, intervallate da lamellule, arcuate, da adnate a lievemente decorrenti, di un colore rosato di solito più chiaro di quello dalla superficie pileica.

Il gambo può elevarsi fino a 8 / 10 cm. e si presenta in forma cilindrica, talora contorto ed allargato verso l'estremità inferiore; la sua consistenza è coriacea, piena, un pò elastica, dello stesso colore del cappello ma solcato da leggere striature longitudinali biancastre.

La carne, esigua ed igrofana nel cappello, è invece fibrosa nel gambo; presenta un colore uniformemente rosato. Odore gradevole, sapore dolciastro.

Le spore, ialine al microscopio, sono quasi ellittiche, misurano 6,5 / 7,5 x 7 / 8,5 micron ed appaiono rivestite da spinule alte fino a 2 micron. La sporata è bianca.

Specie gregaria, cresce dalla primavera all'autunno inoltrato, in tutti i tipi di boschi.

Possibilità di scambio

La L. affinis è specie macroscopicamente identica a L. laccata, differendo da quest'ultima solo per avere spore rotonde e non ellittiche. Altre laccarie sono assai simili e difficilmente distinguibili senza l'uso di un buon microscopio che ne metta in evidenza la diversa conformazione delle spore. Citiamo la L. proxima che ha il cappello con colori brunastro-aranciati ed evidenti striature sul gambo, la L. tortilis, più piccola e con il cappello irregolare, striato e plissettato, la L. bicolor che ha il cappello rossastro contrastante con il color viola delle lamelle e del gambo.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 188;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 197;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 237;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 79, tav. 64,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  187/1;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 97, tav. 8;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 340, tav. 100/2, n. 1140;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 290;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol 1, pag. 38.

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 71;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 183, ill. n. 48 ;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 107;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 44;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 623;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 114, tav. 71;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 25, tav. 8 n. 183;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 455;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 96, fig. 200;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 101;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2,  foto n. 549;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, tav. 66;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 135, tav. 67;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 152;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, tav. 133;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 196;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 273;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 131, fig. 186;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 40;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 186;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 105;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 150;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 106;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  762,  foto 335;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 120;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 95;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 132;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.  188, foto  159;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 76;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 131;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 52;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 236;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 40;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 83;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 134;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 146;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  160;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  120;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 197;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 62;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 713, n. 979;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto  109;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 122, foto 56;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 186 n. 355;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol.  1, pag. 62, tav.  40C;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 244;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag.  157;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 147;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 136, Iconografia n. 176;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 204;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 138,  tav. 7/16, ill. pag. 105;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 204;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 76;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 115:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 414;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 873, foto 439;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  48

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 151;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 202, foto  231;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 141;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 58;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 65;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 232;

A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 308;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 158;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 462;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 136;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 228;

 

(Sandro Ascarelli)