Scheda n. 011      -       Ottobre 2008       - Riferimento n. 714

 

 



MACROLEPIOTA PROCERA (Scop. : Fr.) Singer 1948

 

 

macrolepiota_proceera_20120428_2044032518.jpg





foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Agaricus procerus Scopoli 1772, Agaricus annulatus Lighfoot 1777, Agaricus colubrinus Bulliard 1781, Agaricus antiquatus Batsch 1783, Lepiota procera (Scopoli : Fr.) Gray 1821, Amanita procera(Scopoli) Fries 1836, Mastocephalus procerus (Scopoli : Fr.) Patouillard 1900, Leucocoprinus procerus Patouillard 1900, Lepiotophyllum procerum (Scopoli) Locquin 1942.
Volg.: Mazza di tamburo, Bubbola maggiore, Parasole, Ombrellone.


Etimologia

Macrolepiota = grande orecchio squamoso (dal greco macros = grande, lepìs = squama e ous, otòs = orecchio);
procera = più alta, cresciuto di più (aggettivo latino).


Sistematica

Regno : Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Agaricaceae, Tribù: Lepioteae, Genere: Macrolepiota, Specie: procera.


Commestibilità

Si utilizza il cappello alla brace o impanato e fritto. Il gambo, fistoloso e duro, può essere essiccato, ridotto in polvere. Può essere usato come condimento. Esemplari vecchi o mal cotti possono risultare indigesti.


Descrizione

E’ sicuramente uno dei funghi di maggiori dimensioni potendo raggiungere anche i 40 cm. in altezza, con un cappello il cui diametro supera abbondantemente 25/30 cm. Nel suo primo stadio giovanile ricorda veramente una “mazza da tamburo”, con il cappello emisferico saldato al gambo da un anello; successivamente il cappello si distende conservando però una forma semiemisferica con un umbone basso e uniformemente colorato di bruno. La cuticola tende a disquamarsi (caratteristica di quasi tutte le Lepiote) in scaglie brunastre e rilevate che dal centro si diradano verso la periferia.

Le lamelle sono alte, fitte, ventricose e non si innestano direttamente al gambo ma ad una specie di anellino (detto collarium) posto tra la parte più alta del gambo e le parte inferiore del cappello; il loro colore è bianco ma tendono in vecchiaia a diventare giallastre e poi brune.

Il gambo cilindrico, alto, slanciato e cavo al suo interno, è percorso per tutta la sua lunghezza da bande screziate brune che lo disegnano a “pelle di serpente” e termina con un rigonfiamento bulboso. Nella parte alta si nota un caratteristico anello doppio (cioè con frange di tessuto sia al sopra che al di sotto del cinturino) che, essendo mobile, si può far scorrere lungo il gambo.

La carne è bianca e vira debolmente al rosa al taglio: quella del cappello è tenera mentre quella del gambo è dura e coriacea. Emana un gradevole odore ed un sapore di nocciola negli esemplari freschi.

Le spore, ialine e bianche in massa, sono ellittiche e misurano 13/29 x 9/12 micron.

E’ un fungo ubiquitario che predilige boschi aperti e prati; si trova dall’estate all’autunno.


Possibilità di scambio

Il principiante è portato a chiamare “mazza di tamburo” anche specie simili di Lepiote, ma di taglia notevolmente inferiore, come la Macrolepiota mastoidea, la Macrolepiota escoriata, la Macrolepiota Rickenii, ecc. La Macrolepiota fuliginea è considerata da alcuni Autori una varietà di Macrolepiota procera; di quest’ultima ha le stesse dimensioni, ma le scaglie sul cappello non sono rilevate, il colore del carpoforo è uniformemente più scuro, il gambo è privo del disegno a bande e l’anello è un anello semplice, non doppio né scorrevole.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 20;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 27;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 301;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, ED. Hoepli, Milano, 1897, pag. 73, tav. 7;

Bresadola J. : Iconographia micologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1 n. 20, tav. vol. 3 n. 20;

Bernardin Ch.: Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 101, pl. 8;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris; pag. 46, pl. 6;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 18, tav. 9;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 284, tav. 83, fig. 1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 64;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n. 15;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 45 tav. 85;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1897, fig. 261;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 129, tav. 8;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 66, pl. pag. 38/a;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag. 13;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 640, fig. 506;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 137, pl. 85;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 5, fig. 28, pl. 2;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 555, tav. 43/3;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 122:

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, pl. 43;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag.135, foto n.20;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 111, fig. 14;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 15;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pagg. 88 e 89;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 52, foto 17;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pl. 76;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 388;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, pag. 88, fig. pag. 21;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 407;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 201;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 26,

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 136;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 205;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council , Hong Kong, 1977, pag. 25;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 261;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 520, foto 172;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 172;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, n. 50;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag.117;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 40, foto 26;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, scheda 35;

Jamoni P.G. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 113, foto 55;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 25;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 42;

Garnweidner E. : Gros plan sur les champignons, Ed. Nathan, Paris, 1986, pag. 86;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, pag. 142, foto 29 a pag. 218;

Pandolfi M. & Ubaldi D. : Guida dei funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzzio & C. Ed., Padova, 1987, pag. 144, fig. spore pag. 298;

Bon M. : Champignons d’ Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 290;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 261;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 134;

Bauer C. A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 36;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 216;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 60;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 945, fig. 1301;

Zuccherelli A. : I fynghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 204, foto 269;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 248, fig. 714;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 16, fig. 8/B;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 275;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 59;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 218;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 19 A e C;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 223;;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 226, Iconografia n. 367;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 96 e 219;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 134, tav. 5/1;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 293;

Sitta N. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR e Museo di Ecologia e Storia Naturale di Marano s/P, 1997, pag. 64, scheda 19;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 20;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 165;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 60;

Thieme R: : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 239, scheda 103;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 249;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 248;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 218;

Nonis U. : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, scheda 35;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pagg. 206 e 207;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 174 e 175;

Phillips R. : Les champignons du Quèbec, Broquet Inc., Ottawa, 2002, pag. 38;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 128, scheda 71;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 32;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 423;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pagg. 206 e 207;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 310, scheda 98;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 28.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 125;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 82 N. 164;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 64;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 67.

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 308;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 22, n. 107;

Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 118;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 304.


Monografie

Candusso M & Lanzoni G. : Lepiota s.l., Ed. Libreria Giovanna Biella, Saronno, 1990, pag. 510, tav. 63;




(Sandro Ascarelli)