Scheda n.002 -            Settembre 2008            - Riferimenti n. 837
 
 
 
 
AMANITA MUSCARIA (L. : Fr.) Lemarck 1783  
 
amanita_muscaria-3_20120311_1848994525.jpg









foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
 
Sinonimi
 
Agaricus muscarius Linneo, Fries, Agaricus pseudoaurantiacus Bulliard.
Volg. : Ovolaccio, Cocco falso, Ovolo malefico.
     
     
Etimologia
 
Amanita = dal nome greco del monte Ama-nos,
muscaria = attinente alle mosche
 
 
Sistematica
 
Regno: Fungi; Divisione: Basidiomycota; Classe: Homobasidiomycetes; Sottoclasse: Agaricomycetideae; Ordine: Amanitales; Famiglia: Amanitaceae; Genere: Amanita; Specie: muscaria.
 
 
Commestibilita'
 
Non commestibile. Tossico. La sindrome muscarinica sembra in parte dovuta ad una sostanza, detta appunto muscarina, in grado di provocare sintomi a carattere parasimpaticomimetico. Tuttavia, rispetto ad alcuni altri funghi dei generi Clitocybe e Inocybe, la quantità di muscarina contenuta in A. muscaria appare molto ridotta. Responsabili della azione neuro-psico-gastrointestinale, con effetti allucinogenie gastroenterici che si manifestano circa quattro ore dopo la ingestione di A. muscaria, pare siano degli acidi recentemente isolati come acido ibotenico, muscimone, muscazone, ecc.La prognosi è quasi sempre fausta.
 
 
Descrizione
 
E' indubbiamente una delle Amanite più appariscenti, tanto da essere presa come "modello" per le illustrazioni di funghi nei libri per i più piccini.
Ha un cappello il cui diametro può raggiungere anche i 20 cm, di un bel rosso brillante che, in determinate condizioni di maturità, può impallidire divenendo di color giallo-arancio. Al di sopra del cappello si trovano numerose verruche piramidali, bianche, asportabili, residuo del velo generale che nello stato embrionale avvolgeva tutto il fungo e di cui rimane traccia, alla base del gambo, in una volva bulbosa di tipo circoncisa e perlinata.
Il gambo è bianco, pieno e poi farcito e reca, nella parte alta, un anello, bianco anche lui, con bordi spesso dentellati. Anche le lamelle sono bianche, spesse e libere al gambo.
Carne bianca o appena giallastra in superficie, inodora.Nello stato embrionale Amanita muscaria si presenta sotto forma di ovolo compresso nella parte mediana tanto da assumere una forma di 8 (o di due palline sovrapposte) interamente ricoperto di perline uniformemente disposte in cerchi concentrici.
Le basidiospore sono ovoidali-ellittiche, 9-11,5 x 6-8 micron ed i basidi sono di forma banale, lunghi circa 60 micron.
Amanita muscaria è un fungo simbionte, terricolo e cresce in boschi sia di latifoglie che di aghifoglie; predilige terreni acidofili. La circostanza di fruttificare nello stesso periodo e negli stessi habitat dei porcini lo fa ritenere una "spia" di quest'ultimi.
E' un fungo tossico che provoca sindrome panterinica (latenza: 30 minuti / 4 ore). Pare che la sostanza tossica sia contenuta prevalentemente nella cuticola del cappello e che abbia quindi la capacità di stordire le mosche (da qui la denominazione di specie: muscaria).
 
 
 
 
 
 
 
Bibliografia
 
Viviani D.: I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 11, tav. 29

Fries E.: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1839, vol. 1, pag. 16;

Saccardo P.A.: Silloge fungorum, Padova, 1887, vol. 5°, pag. 13;

Quèlet L.: Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 305;

Bresadola J. Iconographia mycologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, Milano 1982, vol. VI°, pag. 255;

Dufour L.: Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 33, pl. 3;

Schlitzberger S.: Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag 19;

Ricken A.: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980; pag. 279, tav. 79;

Michael E. $ Schulz R.: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 12;

Pilat A.: Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 47 pl. 89;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pagg. 1899, 1900;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 123, ill. 5;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderoni, Bologna, 1964, pag. 642, tav. 15;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano 1966, pag.235;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 143, pl. 89;

Heim R. : Champignons d’Europe, M. Boubèe & C., Paris 1969, pag. 580;

Malencon G. & Bertault R. : Champignons supèrieurs du Maroc; Rabat, 1970, pag. 71;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 258;

Cetto B. : I funghi dal vero, Saturnia Trento, 1970, vol. 1°, pag. 105, pl. 5;

Romagnesi H. : Nouvel Atlas des Champignons, Bordas France, 1970, vol. 1°, pl. 26;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 109, fig. 1 e 1/A;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, tav. 2;

Marchand A. : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1°, pag. 26, pl. 4;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pl. 50;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 404;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 433,

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 71;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 104, tav. 11;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 17 e 18;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 216;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Trento, 1980, Vol. 1°, pag. 237;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 539, pl. 143 e 144;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini, Novara, 1981, pag. 162;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, pl. 3;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 24, tav. 11;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Ed agricole, Bologna, 1982, pag. 95;

Moser M: : Keys to Agarics and Boleti, London, 1983, pag. 226;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 94;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag.15;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 296;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 235;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 82;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 79;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 55;

Montegut J. : L’ Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2 , pag. 1072 , pl. 1475;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 78, ill. n. 14;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 276;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 14;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 222, pl. 3/B;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 198;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, Pag. 302, tav. 20/B

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, p. 204;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 167;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 28, 34, 126 e 127 tav. 1/3;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 268;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 2;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 146;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 56 e 57;

Courtecuisse R. : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna, 2000, pl. 688, pag. 405:

Papetti C., Consiglio G. & Simonini G: : Funghi d’Italia, A.M.B. Trento, 2000, vol. 1°, pag. 125;

E., Vila J. & Llimona X. : Hongos de Espana y de Europa, Barcelona, 2000, pag. 591;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 223;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, foto 152;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2001, vol. 1, pag. 125;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 188;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 24.

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 132;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 350 n. 117;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 36;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 190;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.22 n. 1;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 51;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 50;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 128;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 56, n. 24;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 21 n. 13;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Parigi Cedex 2011, pag. 294.

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 211;

AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 350;

Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 36;

La Chiusa
L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 190;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 22 n. 1;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 51

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 50;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 128;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.1, pag. 56,n. 24.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 159, tav. 13;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 294.

 



Monografie

Gilbert E.J.: Iconographia Mycologica – Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 255;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 104;

Galli R. : Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 112;

Neville P. e Poumarat S: : Amaniteae, M. Candusso, Alassio, 2004, pag. 300;

(S. Ascarelli)