Scheda n. 389       -       Aprile 2013      -      Riferimento pag. 1741





CYATHUS OLLA (Batsch ex Pers.) Persoon 1801





cyathus_olla_6_20130507_1693872023.jpg






Foto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi

Peziza olla Batsch, (1763), Nidularia vernicosa Bulliard (1791), Nidularia campanulata Withering : Fries, (1792), Cyathus olla ß agrestis Persoon (1801), Cyathus vernicosus (Bull.) DC., in Lamarck & de Candolle, (1805), Cyathus ollaris Gray, (1821), Cyathus anglicus Lloyd, (1906), Cyathus vernicosus f. anglicus Lloyd, (1906), Cyathus olla f. anglicus (Lloyd) H.J. Brodie, (1952)


Etimologia


Cyathus = coppa (dal greco: kùathos = coppa)
Olla = pentola (dal latino), per la particolare forma del carpoforo


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes , Subclasse: Gasteromycetideae, Ordine: Nidulariales, Famiglia: Nidulariaceae, Genere: Cyathus, Specie: olla.


Commestibilità


Senza alcun interesse alimentare.


Descrizione


Come già abbiamo avuto modo di accennare (v. scheda n. 80), tra i Gasteromiceti si trova la Famiglia delle Nidulariaceae che comprende basidiomiceti dalla singolare forma di piccoli nidi, di coppette e di bicchieri al cui interno si producono dei peridìoli a forma di lenticchie contenenti polvere sporale. La particolare forma dei carpofori consente a una goccia di pioggia a ad un alito di vento, anche lieve, di produrre un vortice all'interno della piccola tazza e di trascinare i periodoli all'esterno e consentire quindi la diffusione delle spore in zone adiacenti.
A questa regola non si sottrae il Cyathus olla, che si presenta in numerosi esemplari , da giovani chiusi nella parte superiore da una lieve membrana effimera (epifragma) che si dissocia e scompare non appena i peridioli giungono a maturazione. Inizialmente i carpofori, biancastri e poi grigio-piombo, hanno una forma campanulata o imbutiforme; il loro esterno (esoperidio) appare irsuto ed ispido e fornito di leggera peluria, mentre la parete interna (emdoperidio) è liscia e priva di striature. I peridioli sono bianchi o grigi e sono ancorati al fondo dei basidiomi da un leggeri filamenti chiamati funicoli fino a completa maturazione delle spore.
Queste ultime sono ellissoidali o ovoidali, lisce, subialine, e misurano mediamente 8,5 / 14 x 6 / 11 micron
C. olla à specie tipicamente crescente su residui legnosi marcescenti, a volte anche interrati. Si produce dalla primavera al tardo autunno, in colonie numerose, a varie altezze, nei boschi o in loro prossimità o anche nei litorali sabbiosi.


Possibilità di scambio.



Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 298;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 7, pag. 28 n. 110;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 1146;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 47 n. 73;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pag. 341, v. 3;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 529, foto n. 1196;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 175 nota, tav. 154;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1975, pag. 227.
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 230;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 255;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 300;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 445;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 144;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 197;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 156, tav. n. 190;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 443;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.2, pag. 635, n. 501;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 446, n. 1741;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 264 nota;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 73;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 83, Iconografia n. 278;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 263;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 131;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 172, tav. 24/8;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 383;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 274 nota;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 912;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 566, foto 36;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 958;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 407;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 378, foto 494;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2003, BC 22, tav. 1062;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 546, n. 1530;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag.
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 266;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1052;


Monografie


Hennig M. e Pilat A.
: Gastromiceti, traduzione a cura del Gruppo Micologico parmense "G. Passerini", Parma, 1980, pag. 138, tav. XXVI.
Sarasini M. : Gasteromiceti epigei, A.M.B.- Fondazione Centro Studi Micologici, Vicenza, 2005, pag. 242.



(Sandro Ascarelli)