Scheda n. 387     -       Aprile 2013      -      Riferimento pag. 1298





AGROCYBE MOLESTA (Lasch) Singer 1978




agrocybe_molesta_gs1_20130507_1361329371.jpg






Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi


Agaricus durus
Bolton (1788),, Agaricus molestus Lasch (1828), Pholiota dura (Bolt. : Fr.) P. Kummer (1871), Pholiota dura var. xanthophylla Bresadola (1892), Agrocybe dura (Bolt.: Fr.) Singer (1936), Agrocybe dura var. xanthophtlla (Bres.) P.D.Orton (1960), Agrocybe molesta var. xanthophylla (Bres.) Bon & Courtecuisse (1987).
Volg.:


Etimologia


Agrocybe = testa del campo (dal greco agròs = campo e kùbe = testa)
molesta =molesta, difficile (dal latino molestus) per la difficoltà di distinguerlo da specie analoghe.


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Bolbitiaceae, Tribù: Bolbitieae, Genere: Agrocybe, Specie: molesta.


Commestibilità


Considerato commestibile come Agrocybe praecox. ma di scarso pregio.


Descrizione


Il taxon iniziale di questa specie (Agaricus durus), dovuta al Bolton (1788) evidenziava la particolarità che, a tempo asciutto, la carne del cappello si presentava di una certa consistenza fino ad avere una superficie profondamente screpolata. Solo in un secondo tempo, il micologo Lasch (1828) preferì adottare la denominazione di Agaricus molestus per sottolineare la difficoltà di separare correttamente questo fungo da analoghi carpofori, morfologicamente molto vicini (vedi sotto "possibilità di scambio)
Il cappello, emisferico nei primi stadi, poi convesso ed infine appianato, può raggiungere un diametro di circa 10 centimetri. La consistenza della sua carne è abbastanza dura e tende a screpolarsi durante un periodo di siccità. Il margine permane a lungo involuto e festonato da residui di velo. La colorazione pileica è sempre biancastra, a volte con tonalità ocra-grigiastre molto deboli.
Le lamelle, mediamente fitte, sono adnate, smarginate al gambo, larghe, intervallate da lamellule, colore argille poi via via brunastre e infine scure con riflessi violacei. Il tagliente, fioccoso, si mantiene bianco.
Il gambo è, nel complesso cilindrico, talvolta incurvato in basso; fibrilloso, pruinoso, fornito di un anello fragile e fugace situato nella parte alta dello stipite. Ha un colore biancastro nella parte superiore, poi brunastro nella parte inferiore e sulla pagina dell'anello per sovrapposizione delle spore.
Carne soda e consistente nel cappello, fibrosa nel gambo, bianca. Odore un po' farinoso, sapore farinoso ma con retrogusto amarognolo.
Spore ovoidali o ellittiche, lisce, con netto poro germinativo. Misurano 11,5 / 14,5 x 7 / 8,5 micron. Brunastre al microscopio; sporata bruno tabacco.
Dalla primavera all'autunno, cresce anche gregaria, tra l'erba dei prati, dei campi, dei parchi e dei giardini.


Possibilità di scambio


E molto facile poter scambiare A. molesta con specie simili. Agrocybe praecox (Pers. : Fr.) Fayod è più piccola, meno carnosa, con la superficie del cappello che normalmente non si screpola ed ha colorazioni bruno ocracee; cresce in prevalenza nei boschi, Agrocybe erebia (Fr.) Kühner, con il cappello fornito di un modesto umbone e di colore bruno-rossiccio, Agrocybe aegerita (Briganti) Fayod (v. scheda n, 72), specie lignicola e cespi tosa, con le lamelle color tabacco ed il sapore tanto gradevole da venire coltivata e commercializzata con il nome di "piopparello"


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 241;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 738, n. 3054;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 97;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 691, tav. 690;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 173, tav. 591;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 114, n. 270;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 108, n. 331, tav. 47/10
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 168;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 87, T. 26, n. 731;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 531, fig. 266;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 66;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 125, foto n.926;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 38 nota;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 367;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 63.
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 342;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 258;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 290;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 307;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 204, tav. 557;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 43 nota;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 262 nota;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 134;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 168;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, vol. 1, pag. 170;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 66;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 262;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 71;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 142;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 351, tav. 159;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 936, tav. 1347;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 326;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 360, n. 1298;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 408 , tav.105;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 350 nota;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 247;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 235;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 184;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 68;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 106 nota;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 727;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 417;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.1, pag. 248;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 266;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 290, foto 263;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 207;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 194 nota;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 196;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 320;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 280;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 274, n. 742;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 176 nota;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 116;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 838.



(Sandro Ascarelli)