Scheda n. 386        -        Aprile 2013      -      Riferimento pag. 1728




SCLERODERMA VERRUCOSUM (Bull. ex Pers.) Persoon 1801



scleroderma_verrucosum_gs6_20130507_1059803701.jpg






Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere





Sinonimi:

Lycoperdon verrucosum
Bulliard, (1791), Lycoperdon defossum sensu Sowerby, 2005;
Volg.: Scleroderma verrucoso


Etimologia


Scleroderma
= pelle dura (dal greco skleròs = duro e  dèrma = pelle), per la durezza dell'in-volucro del corpo fruttifero (peridio).
Verrucosum = verrucoso, dal latino verrucosum per via delle verruche che rivestono la superficie del corpo fruttifero.


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe:  Homobasidiomycetes, Subclasse:Gasteromycetideae, Ordine: Sclerodermatales, Famiglia:Sclerodermataceae, Genere: Scleroderma, Specie: verrucosum.


Commestibilità


Come tutti i funghi del genere Scleroderma, questa specie risulta tossica
e può provocare disturbi gastrointestinali anche gravi che si manifestano dopo un paio d'ore dal consumo.


Descrizione


Questa specie viene spesso scambiata con le vesce, errore questo che non dovrebbe essere possibile, in quanto le vesce, piccole o grosse che siano, allo stadio giovanile si mostrano sempre bianche, non hanno mai fasci miceliari alla base del gambo e soprattutto non hanno il peridio dello spessore degli scleroderma.
Carpoforo di 40-100 mm di diametro, di forma irregolarmente globosa, attenuato verso il basso, dalla cui base si dipartono dei ciuffi miceliari biancastri; peridio di circa 2 mm di spessore, alla base fino a 3,5 mm,; superficie del peridio di colore caffellatte o bruno pallido, a volte anche con tonalità rossastre, inizialmente liscio poi squamoso con tendenza a screpolarsi in verrucosità o pseudoareolature irregolari, più o meno rialzate e irregolari. A maturità il periodo si apre all'apice per permettere la dispersione delle spore mature.
La parte fertile, gleba, è carnosa nei primi stadi di sviluppo, di colore bianco-crema poi violacea, infine nerastra e marmorizzata, pulverulenta a completa maturazione, con odore sgradevolecomedigomma.
Le spore sono sferiche, aculeate e misurano 8-11,5 micron, di colore bruno-olivastre in massa.
Cresce preferibilmente su terreni sabbiosi e ricchi di sostanze nutritive, nei prati ma anche nei parchi e nei giardini con residui vegetali di latifoglie, in estate ed in autunno ed è piuttostocomune.


Possibilità di scambio.


È possibile confondere S. verrucosum con S. citrinum che però ha il colore della superficie giallo, squame più pronunciate e scure e un più consistente fascio miceliare alla base; ha spore simili, ma con diametro di 9,2-12 micron. Si può confondere anche con S. bovista ma oltre che per la mancanza del fascio miceliare questa specie si differenzia per le spore reticolate anziché aculeate.


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 3, pag. 49;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 7, pag. 136, n. 447;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 2 tav. 114 ;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 50, n. 79;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tav. 107;
Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 8 tav. 4;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 168;
Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 30, tav. 4;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 195, n. 1702, tav. 55;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 622, fig. 326;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav.147B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 343, pag, 597;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 210;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 112, tav. 354;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 321B;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 445;
Rinaldi e Tindalo: L'Atlante dei funghi, Ed. Mondadori, 1972, Milano, pag. 277,
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 184, tav. 28;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 100, n. 86;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 357;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 506 nota;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 413, foto 357;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 228;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 251;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 112;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 211 nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 302;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 103 nota;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 481;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 201;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 310;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 192;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 425, tav. 193;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 166, tav. 203;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 3, pag. 439;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.2 pag. 648, n. 514;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 414, n. 1728;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 435;
Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, pag. 365, fig. 184;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 70;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 276, Iconografia n. 474;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 365;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 138;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 811;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 263;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 879;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 913, foto 912;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 954;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 384;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, foto 534 nota - 535;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 315;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 130;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 608;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 578;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.586, n. 223;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 544, n. 1525;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 257;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 459;
De Angelis, Di Masimo, Materozzi: i Funghi, Ed. Hoepli, 2012, pag. 309;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1048;



Monografie:

Hennig M. e Pilat A. : Gastromiceti, traduzione a cura del Gruppo Micologico parmense "G. Passerini", Parma, 1980, parte II, pag. 119;
Sarasini M. : Gasteromiceti epigei, A.M.B.- Fondazione Centro Studi Micologici, Vicenza, 2005, pag. 328.




(Gianfranco Sperati)