Scheda n. 382        - Marzo 2013          -           Riferimento n. 511






MICROMPHALE FOETIDUM (Sacc. : Fr.) Siger 1945




micromphale_foetidum-1_20130415_1953350297.jpg







Foto S. Ascarelli

Cliccare sull'immagine per vederla ingrandita e per vedere altre foto dello stesso Ganere




Sinonimi

Merilius foetidus, Sowerby (1796), Agaricus foetidus (Sowerby) Fries (1821), Marasmius foetidus (Sowerby) Fries (1838), Chamaecera foetidus (Sowerby) Kuntze (1898), Heliomyces foetidus (Sowerbu) Singer (1936), Micromphale foetidum (Sowerby) Singer (1945), Marasmiellus foetidus (Sowerby) Antonin, Halling & Noordeloss (1997), Gymnopus foetidus (Sowerby) J.L. Mata & R.H. Petersen (2004). Volg. : Marasmio fetido


Etimologia


Micromphale = piccolo fungo ombelicato (dal greco mikros = piccolo e omphalòs = ombelico, con depressione al centro; foetidum = fetido, che emana cattivo odore (dal latino)


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Micromphale, specie: foetidum.


Commestibilità


Non commestibile, anche per il cattivo odore.


Descrizione


Questo fungo, lignicolo, di modeste dimensioni, è relativamente comune e si identifica facilmente perché emana un particolare odore di muffa o di cavolo marcio che ben giustifica la denominazione di specie (foetidum = fetido); tale odore si avverte con maggiore intensità dopo la pioggia o quando il terreno o il substrato è particolarmente umido. Il cappello, inizialmente convesso o campanulato, si dispiega divenendo pianeggiante e dotato spesso di un minuscolo umbone-La superficie è percorsa da evidenti striature che dal centro si diramano fino all' orlo sottile e uniforme- La consistenza è membranosa e tenace. Il colore varia dal fulvo rossastro al rosso bruno chiaro, più scuro tuttavia al disco e lungo le striature. Può avere un diametro che difficilmente supera i 3 cm. Le lamelle sono adnate, piuttosto rade e strette, color incarnato o rosate, con margine poco più pallido. Il gambo, sub cilindrico, un poco attenuato verso il basso, è lievemente fistuloso o sericeo, bruno in alto ma via via più scuro verso l'apice inferiore fin quasi diventare nerastro. La carne è biancastra o rosa pallida nel cappello, grigiastra nello stipite, sottile ed elastica. Ha un odore sgradevole, agliaceo e rancido, che ricorda quello del cavolo marcio. Spore oblunghe, ellissoidali, non amiloidi, bianche in massa, che misurano 8 / 10 x 3,5 /5 micron. Specie saprotrofa, cresce su foglie e detriti legnosi marcescenti do latifoglie, talvolta sugli aghi di pino, in gruppi numerosi, dalla tarda estate al pieno inverno.


Possibilità di scambio


Una specie simile può essere costituita dal Micromphale brassicolens (Romagnesi) Orton: i caratteri morfologici di quest'ultima specie sarebbero divergenti dal M. foetidus per il cappello, meno intensamente striato, e per le lamelle.più fitte e più pallide. Pare che il tipico odore sia molto simile e non permetta di suddividere con sicurezza le due specie.


Bibliografia



Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 138;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 530 n. 2095;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 317;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 498/3;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 71 n. 256;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 526; n. 1733
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 67 n. 564, tav. 21;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 436 fig. 201;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 253, tav. 218/2;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 253D;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 279, foto n. 120;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 247;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 87 fig. 150;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 366;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 156;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 162
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 778, foto 28;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 209;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 286;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 125;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 68;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 3, tav. 218/2;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 66 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 176;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 205;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 233;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 76;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 718, n. 985;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 620;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 512 n. 378;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 216 n. 511;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 76, tav. 48;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 286;
Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 28;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 116;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 170;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 222;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 29;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 139;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 487;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 92;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 183;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 254, foto 309;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, ;196;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 218 n. 569;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 101;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 420..



(Sandro Ascarelli)