Scheda n. 381      -      Marzo 2013      -      Riferimento n. 1648





SUILLUS BOVINUS (L. ex Fr.) Roussel 1898




suillus_bovinus_gs4_20130415_1377463728.jpg






Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Boletus bovinus Linneo 1753; Boletus bovinus Pers. 1825; Ixocomus bovinus (L.) Quél. 1888; Mariaella bovina (L.) Šutara 1987.
Volg.: Boleto dei bovari


Etimologia


Suillus deriva dal latino e significa "piccolo maiale".
bovinus deriva dal latino:dei bovini. Si trova scritto che un tempo, nella regione di Arcachon (Francia), questo era destinato ai bovari per le sue scarse qualità organolettiche, in contrapposizione al Tricholoma equestre, rinvenibile nello stesso habitat, che, assai più prelibato (oggi considerato tossico), veniva riservato ai cavalieri [Stecchi, 1994].


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Eumycota, Sottodivisione: Basidiomycota, Classe: Hymenomycetes, Sottoclasse: Homobasidiomycetidae, Ordine: Boletales, Famiglia: Boletaceae, Sezione: Fungosi, Genere: Suillus, Specie: bovinus.


Commestibilità

È un fungo commestibile ma scadente, sconsigliato per via della scarsa consistenza della carne, per il sapore piuttosto amarognolo e per la carne che diviene molliccia dopo la cottura; inoltre, come per gli altri pinaroli, bisogna asportare la cuticola dal cappello in quanto risulta indigesta o lassativa, anche se non è tossica.


Descrizione


Non ho mai raccolto e mangiato funghi di questa specie né altri dello stesso genere, come Suillus aeruginascens o Suillus variegatus (Sw. : Fr.) Richon & Roze, perché troppo mollicci ed acquosi.
Il cappello, di 40-120 mm, fino a 150 mm di diametro, carnoso è prima convesso poi piano, di colore bruno-ocraceo o fulvo-ocraceo, il margine è, prima involuto poi disteso, spesso sinuoso. La cuticola è viscida in presenza di umidità, lucente a tempo secco, separabile interamente.
I tubuli sono corti, larghi, non separabili dalla carne, adnati e decorrenti, prima giallastri poi giallo-olivacei. Pori angolosi, ampi, giallo-verdastri poi bruno-olivastri.
Gambo di 5-8 x 0,7-1,5 cm, dello stesso colore del cappello o più pallido, a volte la parte basale è di colore rosa per la presenza di micelio di quel colore.
Carne molliccia, di colore crema, immutabile, di sapore acidulo e amarognolo. Viraggio all' arancione con acido solforico (H2SO4)
Le spore, da fusiformi ad ellissoidali, misurano 7-10,5 x 3-4.5 micron e sono di colore olivaceo in massa.
Cresce, a gruppi abbondanti, dall'inizio dell'estate all'autunno nei boschi di pini a due punte (P. sylvestris, P. pinea, P. pinaster, P. nigra, P. laricio, P. mugo).


Possibilità di scambio

Si potrebbe confondere con Suillus variegatus (Sw. : Fr.) Richon & Roze, che però presenta cuticola asciutta, ricoperta da fini scaglie brunastre, portamento più robusto, imenio con pori più piccoli e azzurri alla pressione. Anch'esso commestibile scadente-


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 388;
Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (2 centuria), pag. 4 n. 113;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag.6 n. 4651;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 413;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 909 ;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 561 n. 1852;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1858, fig. 1162;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 191 ill. 53;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 122;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 614;
Bresadola G.: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento 1965, pag. 236, tav. 73a;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 154 n.1345, tav. 46;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 335, ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 468, tav. 418;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 119/B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 535, foto n. 299;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 145,n. 265;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas tav. 158;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 62, tav. 338;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 272;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 133;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 174;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 42;
Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 78
Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 251, pag. 326;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 69;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.68;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 69;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 232;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe,
Londra, 1981, pag. 215;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 233;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 386;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 264, foto 231;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 69;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 143;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 199;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 215;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 5, pag. 418;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 77;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 215;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 132;
Hennig/Kreisel: Taschenbuch für Pilzfreunde, Gustav Fischer Verl., Jena, 1987, pag. 150, tav. 83;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 48;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 100;
Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 252; pag. 332.
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 177;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 96;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 49;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 261, n. 347;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 71;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2 pag. 602 n. 468;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 421 n. 1648;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 48;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 102;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 89;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag.348;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 256;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 129;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 200;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 20;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 835;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 435, foto 875;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 355;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 369;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 76, foto 42;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 275;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 122;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 494;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 170;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 339;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 190;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 49;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 512 n. 1433;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 163, n. 605;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 60.


Monografie:

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 109
Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 16;
Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 32;
Galli R. - I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 54;
Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 393, tav. 65;
Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 234 n. 81;
Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 80;
Lèmoine C. et Claustres G: : Connaître et reconnoitre les bolets, Ed. Ouest France, 1988, pag. 74.


(Gianfranco Sperati)