Scheda n. 380      -      Marzo 2013      -      Riferimento n. 521




COLLYBIA MACULATA (Alb. & Schw. ex Fr.) Quélet 1888




collybia_maculata_20130415_1814359098.jpg






Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Rhodocollybia maculata (Alb. & Schwein.: Fr.) Singer 1939, Agaricus maculatus Alb. & Schwein 1805, Agaricus maculatus var. immaculatus Cooke 1881; Collybia maculata (Alb. & Schwein.) P. Kumm. 1871, Collybia maculata var. immaculata (Cooke) Sacc. 1881
Collybia maculata var. maculata (Alb. & Schwein.) P. Kumm. 1871.

Volg.: Collibia macchiata


Etimologia


Il nome del genere Collybia deriva dal greco kóllybos = moneta spicciola;
il nome di specie maculata si riferisce alle macchie rosso brune presenti sia sul cappello che sul gambo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia, Subgenere: Rhodoccollybia, specie: maculata


Commestibilità

Specie non commestibile a causa del sapore sgradevole; inoltre la raccolta è poco invitante a causa delle macchiettature.


Descrizione

Molti raccoglievano funghi di questa specie, scambiandoli per esemplari di Collybia fusipes ma, una volta cucinati, dovevano gettarli perché immangiabili: è il caso di ricordare che anche quest'ultima specie, pur non essendo disgustosa, è oggi sospettata di causare avvelenamenti a sindrome pardinica.
Il cappello di 35-100 mm di diametro è emisferico-convesso nei primi stadi di sviluppo, poi convesso, infine spianato; a volte presenta una bassa umbonatura; è abbastanza carnoso. La cuticola è glabra e liscia, bianca, ma presto picchiettata di macchie rossastro-ruggine più evidenti al centro; il bordo del cappello è prima involuto, poi disteso ed un po' ondulato nei vecchi esemplari.
Le lamelle sono quasi libere al gambo, intercalate da lamellule, molto fitte e sottili, con il filo seghettato, di colore bianco, poi bianco-crema ed anch'esse picchiettate qua e là di bruno-ruggine. Il gambo misura 60-100 x 10-25 mm, pieno all'inizio, poi cavo, quasi cilindrico o gradatamente ingrossatoi verso la parte basale; inoltre è solcato-fibrillato e frequentemente radicante; concolore al cappello e macchiato di bruno-rossastro-ruggine soprattutto verso la base.
La carne è soda, tenace, consistente, abbondante nel cappello, biancastra, con un odore poco definito e sapore amaro.
Le spore sono largamente ellissoidali o globose, misurano 4,6-5,6 x 4-5,2 micron e sono bianche in massa.
Predilige boschi di conifere, più di rado di latifoglie, comune e molto diffusa ovunque in estate ed in autunno inoltrato.


Possibilità di scambio


Potrebbe essere confusa, a causa dell'aspetto e del gambo radicante, con Collybia fusipes, specie, come già visto in precedenza, velenosa, ma quest'ultima è di colore più scuro, più omogeneo e senza picchiettature.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 207 n. 754;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 229;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 195;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 365 n. 1235, tav. 107/3;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 330 n. 1029;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 150;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 169 n. 564, tav. 70/8;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 19 n. 139, tav. 6;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 439, fig. 203;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 243;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 106B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 269, foto n. 111;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 120 n. 77;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 71;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 199;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 253;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 86;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 92;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 155;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.134;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 160;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 756, foto 35;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 54;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 144
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 90;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 155;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 126;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 54;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 41;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 178;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 202;
Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 100; pag. 180.
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 94;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 123;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 76;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2 , pag, 741, n. 1024;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 218 n. 521;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 66 , tav. 42;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 126;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 153;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 181;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 118, Iconografia n. 137;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1997, collez. 16, tav. 785;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 181;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8/19;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 240;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 45;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 492;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 654 foto 586;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 96;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 348, foto 195;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 135;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 67;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 69;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 164;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 168;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 120;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 206 n. 530;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 95;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 201;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 428.


(Gianfranco Sperati)