Scheda n. 375        -        Febbraio 2013        -        Riferimento 534



COLLYBIA PERONATA (Bolt. ex Fr.) Kummer 1871



collybia_peronata_gs4_20130125_1331577497.jpg






Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere.



Sinonimi

Agaricus peronatus Bolton (1788), Agaricus urens Bulliard (1791), Agaricus urens   (1812),  Gymnopus peronatus (Bolton) Gray (1821), Marasmius peronatus (Bolton) (1836),  Marasmius subrufescens Britzelmayr, (1894).


Etimologia

Collybia = monetina (dal greco kóllybos = piccola moneta);
peronata = calzata (dall’aggettivo latino) a causa della feltratura bianco-giallina alla base del gambo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidio-mycetes, Subclasse: Agaricomycetideae,  Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia,  Subgenere: Rhodoccollybia,  specie: peronata


Commestibilità

Specie non commestibile per il sapore pepato che si avverte con ritardo. In  alcune  regioni  viene  ricercato,  fatto  essiccare e ridotto  in  polvere come sostituzione del pepe.


Descrizione

È un fungo che, in condizioni favorevoli, si sviluppa notevolmente tanto da coprire grandi tratti della lettiera di foglie  e a tal punto che, se raccolti, trascinano con sé il fogliame invaso dal suo micelio biancastro.
Il cappello misura 3-6 cm di diametro, prima convesso poi spianato, liscio, con l’età diviene coriaceo e rugoso, soprattutto all’orlo, spesso con un basso e largo umbone; di colore ocra-rossastro a brunastro.
Le lamelle sono piuttosto larghe, spesso unite fra loro da anastomosi, intervallate da molte lamellule, prima sinuate poi che si staccano dal gambo e vanno dal crema al bruno giallastro fino al marrone chiaro.
Gambo di 30-60 x 3-6 mm, cilindrico, si allarga leggermente all’attacco col cappello ed è leggermente ingrossato alla base, ove è coperto di lunghi peli bianco-giallastri, densi e lanosi.
La carne  è coriacea e colore del legno; di sapore prima dolce, poi fortemente acre, odore nullo.
Le spore sono di forma ovoidale, ialine e di colore bianco in massa; misurano 7-9 x 3-4 micron.
Esemplari di C. peronata crescono soprattutto nei boschi misti di latifoglie e nelle faggete, sulla lettiera, ma occasionalmente anche in boschi di conifere, in estate-autunno. Molto comune.
Possibilità di scambio
Si potrebbe confondere con Marasmius oreades, ma basta ricordare che quest’ultimo non vive nei boschi ma nei prati, il suo gambo è molto duro, liscio ed ha carne di sapore gradevole e non piccante.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 126;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 159;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 98, fig. 210;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 102A;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 277, foto n. 119;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 75;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 207A;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 248;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 92;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 89;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 376;
Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 36, fig. 1;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 152;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 156;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 142;
Phillips R : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 57;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 213;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 159;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 125;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 125;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 57;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 253;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 42;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 68;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 197;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 95;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 360;
Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 102; pag. 182.
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 736, tav. 1013 ;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 128, foto 155;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 156 n. 88;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 220 n. 534;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 75;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 288;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 178;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 117, Iconografia n. 135;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 153;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 182;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 242;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 37;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 113;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 497;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 359, foto 656;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 99;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 180;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 198;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 68;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 150 n. 94;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 222;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 169;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 119;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 210 n.541;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 108, n.172;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.424.


(Gianfranco Sperati)