Scheda n. 370          -       Gennaio 2013       -       Riferimento 21




HELVELLA ELASTICA Bulliard : Fries (1785)



helvella_elastica_20121230_1430620922.jpg







Foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altre immagini dello stesso Genere.



Sinonimi


Helvella albida Schaeffer (1774), Peziza hispida Hudson (1778), Helvella fuligginosa Dickson (1789), Peziza hirsuta Holmskjold (1799), Helvella pulla Holmskjold (1799), Peziza hemisphaerica Schumacher (1803), Helvella klotzschiana Corda (1831), Helvella guepinioides Berkeley & Cooke (1879), Sepultaria albida (Schaeff.) Morgan (1902), Leptopodia elastica (Bull.) Boudier (1907), Leptopodia elastica var. guepinioides (Berk. & Cooke) Boudier, Leptopodia pulla (Holmsk.) Boudier (1907), Leptopodia klotzschiana (Corda) Boudier (1907), Tubipeda elastica (Bull.) Falck (1823), Patella albida (Schaeff.) Seaver (1928).
Volg.: Elvella elastica


Etimologia

Helvella = erbetta, ortaggio;
elastica = elastica (dall'aggettivo latino elasticus) per la consistenza della carne.


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Helvellaceae, Genere: Helvella, Sottogenere: Helvella, Specie: elastica.


Commestibilità.

È stato sempre considerato un fungo senza valore o, da taluni, commestibile. Come tutte le elvelle, contenendo dosi più o meno elevate di "gyromitrina" anche questa specie è da considerarsi invece velenosa.


Descrizione

Dal nutrito Genere Helvella è stato selezionato dal Boudier, nel 1885, un gruppo di specie denominate Leptopodia (dal greco leptòs = sottile e podos = piede) , che sono caratterizzate dall'avere una mitra (cappello) a forma di sella ed uno stipite tutt'altro che costolato ma invece sottile e liscio. Helvella o Leptopodia elastica è una delle più frequenti.
L'ascocarpo presenta una mitra usualmente composta da due lobi lisci e tondeggianti, saldati al gambo nella parte superiore e disposti in modo da formare una specie di sella da cavallo. Inizialmente di colore biancastro, la mitra tende ad imbrunire fino ad assumere tonalità ocracee o grigiastre.
Il gambo è sottile, slanciato, a volte ricurvo o sinuoso, pruinoso da giovane ma presto perfettamente liscio e privo di costolature, biancastro, eccezionalmente con qualche sfumatura rosata.
Carne a consistenza cerosa, elastica ma fragile, bianca. Odore leggero, gradevole.
Spore lisce, ellissoidali, talvolta appiattite sui lati, ialine, monoguttulate, inserite in serie di otto negli aschi cilindrici, con apice clavato, non amiloidi. Le spore hanno dimensioni di 18 / 20,5 x 11 / 12,5 micron.
Non molto frequente ma ubiquitaria, cresce dalla tarda primavera all'autunno, isolata o in piccoli gruppi, su terreno umido o in prossimità di corsi d'acqua.


Possibilità di scambio

Forme simili di mitra "a sella di cavallo" hanno anche H. sulcata Afzelius : Fries, alta circa 13 centimetri e di colore grigiastro, H. ephippium Lèveillè, molto più piccola e con mitra e gambo grigio-brunastri, H. stevensii (Peck) Le Gal, con i lobi internamente grigio-bruni ed esternamente grigio-ocracei e finemente vellutati. H. atra (König : Fr.) Boudier ha colorazioni nerastre tanto nella mitra quanto sullo stipite.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 21;
Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 160 in nota;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1176;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 259, tav. a pag. 253;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 176;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. fig. 492;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 214, tav. 59;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.217, fig. 73A;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 36, fig. 21;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 621, foto n. 363;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 154 fig. 332;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 215;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 210, tav. 96 in nota;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 337 in nota;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 456;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 234;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 244;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 334, tav. 723;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 529 in nota;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 70;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 240;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 267;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 206, foto 255;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 328;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 194;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 173;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 216;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 103, tav. 104;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.2, pag. 661, n. 525;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 130, n. 21;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 211;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 62;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 297, Iconografia n. 508;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 53;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 60;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 274;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 89;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 309, foto 77;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 370;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 33;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, foto 56;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 326;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 630;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 595;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 47;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 326;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 277;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 528;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 118, n. 835;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1072.


Monografie:


Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d'Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 76;


(Sandro Ascarelli)