Scheda n. 363         -          Dicembre 2012       -        Riferimento 1413




RUSSULA VESCA Fries 1836




russula_vesca_gs1_20121129_1311591346.jpg







Foto di
Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere




Sinonimi

Russula vesca f. pectinata Britzelmeir, (1896), Russula depallens Ricken (1910), Russula mitis Rea (1922), Russula vesca var. romellii Singer (1923), Russula heterophylla Melzer & Zvara (1927), Russula vesca f.viridata Singer (1932), Russula vesca f. tenuis Jul. Schäffer. (1933), Russula vescavar. neglecta Singer (1935), Russula heterophylla var. vesca(Fr.) Bohus (1960), Russula vesca f. montana Blum (1960), , Russula vesca var. major Bon (1986), Russula vesca f. major (Bon) Bon (1988).
Volg.: Russula commestibile


Etimologia

Russula =  piccola rossa (dal latino, diminutivo di russus = rosso),
vesca = commestibile (dal latino vescus = mangereccio), per la sua commestibilità.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sezione: Heterophyllae, Subsezione: Heterophyllineae, Specie: vesca


Commestibilità.

È una russula che, come precisa il termine di specie, è commestibile ed anche ottima di sapore.


Descrizione

Sono chiamate "le russole che ridono" per via della cuticola che, durante la sua crescita, spesso si ritrae verso l'orlo e lascia intravedere la carne sottostante. Aspettavo la primavera inoltrata per raccogliere queste ottime russole dal dolce sapore di nocciola per preparare dei raffinati antipasti nei pranzi domenicali dopo averle affettate crude e condite semplicemente con sale ed olio.
Il cappello misura 40-110 mm di diametro è subgloboso nei primi stadi di crescita per divenire poi da convesso a spianato-depresso al centro, con margine sottile, liscio, tardivamente un po' scanalato; la cuticola è separabile fino alla zona discale, inizialmente umida, in seguito asciutta e, negli esemplari adulti, si ritrae leggermente dal bordo lasciando comparire il colore bianco o bianco rosato della superficie sottostante in contrasto al colore crema-rosa, rosa-carnicino, ocra-rosato fino a vinoso-porpora della cuticola stessa.
Le lamelle all'inizio sono fitte poi più spaziate, rotondato-attenuato-subdecorrenti, fragili e sottili, biforcate, bianche nel giovane poi crema-ocra chiaro, con tipiche macchiette rugginose distribuite senza ordine.
Il gambo di 40-90x10-25 mm è cilindrico, rastremato-subappuntito alla base, pieno e sodo nel giovane poi più tenero e spugnoso, esternamente asciutto e pruinoso, rugoso nell'adulto, bianco, talvolta con deboli sfumature rosate e tipicamente picchiettato di bruno-ruggine.
La carne è soda e compatta nel giovane poi più tenera nel cappello e midolloso-spugnosa nel gambo, a frattura tipicamente cassante, come in tutte le russole; di colore bianco, tendente a macchiarsi di bruno-ruggine sul gambo ed in modo meno accentuato anche sul cappello; l'odore è debole fungino, il sapore dolce di nocciole.
Le spore sono ovoidali con piccole verruche, misurano 6-8 x 5-6,5 micron e sono bianche in massa.
Cresce sia in boschi di latifoglia che in quelli di aghifoglia sia sotto querce e castagni, sia sotto pecci e pini, da maggio a fine autunno.


Possibilità di scambio

È confondibile con Russula xerampelina, (v. scheda n. 304), che presenta un odore persistente di aringa o di gamberetti cotti. Si può confondere anche con Russula rubroalba, che però ha lamelle di diverso colore, dimensioni maggiori ed ingrigimento della carne col tempo.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 465 n. 1827;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 348;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982 tav. 422;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 42 n. 140, tav. 16/5;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 476 n. 1556;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 240, n.847;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 60 n. 506, tav. 19;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 372;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 196 n. 499;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 169;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 415, foto n. 212;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 139 n. 218;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, tav. 132a in nota;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 209;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 118, tav. 50;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 36;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 192;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 150;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 443;
Dermek A. : Atlas Našich húb, , Bratislava 1977, fig. 297, pag. 376;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 435;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 108;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 464;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 264;
Phillips R. : Mooshrooms of Greit Britain and Europe, Londra 1981, pagg. 95, 97;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 25;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 356;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 330, foto 286;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 78;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 157;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 97
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 409;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 296;
Hennig/Kreisel: Taschenbuch für Pilzfreunde, Gustav Fischer Verl., Jena, 1987, pag. 132, tav. 66;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 184. foto 103;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 56;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 342;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 156;
Romano Bozak :Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 173; pag. 253.
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 298;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 104;
Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 105;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 363, tav. 512;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 286, foto 393;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 201 n. 130;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 380 n. 1413;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 556, tav. 187;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 252;
Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 107;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 85;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 244, iconografia 399;
Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 110;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 327;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 252;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150, tav. 13/7;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 179;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 148;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 125;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 759;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 745, foto 782;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 303;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 312;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 250, foto 210;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 248;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 252;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 109;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 130;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 262;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 442;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 409;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 296;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 452;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 158;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 141;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 484 n. 1210;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 138;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 392;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4 pag. 14 n. 322;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.172


Monografie:

Blum J. : Les Russules, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 68;
Romagnesi H. : Les Russules d'Europe et d'Afrique du Nord, Bordas, France, 1967, pag. 266, figg. 111, 112, 113 e 114;
Foiera F., Lazzarini E:, Snabl M., Tani O. : Fumghi Russule, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 90, tav. 17;
Galli R. : Le Russule, Edinatura s.r.l., Milano, 1996, pag. 84;
Sarnari M. : Monografia illustrata del Genere Russula in Europa, Ed. Gruppo Micologico Bresadola, Trento, 1998, vol. 1, pag. 260.



(Gianfranco Sperati)