Scheda n. 354             -          Novembre 2012            -          Riferimento n. 1544





LACTARIUS BLENNIUS (Fr. : Fr.) Fries 1838



lactarius_blennius-1_20121101_1002166610.jpg






Foto di Gianfranco Sperati

Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altre fptp dello stesso genere



Sinonimi

Agaricus viridis
Schrader (1794), Agaricus blennius Fries (1815), Galorrheus blennius (Fr.) Kummer (1871), Lactarius viridis Quèlet (1886), Lactarius blennius var. viridis Quèlet (1888), Lactifluus blennius (Fr.) Kuntze (1891), Lactarius blennius fo. virescens J.E.Lange (1940).
Volg. : Lattario glutinoso



Etimologia


Lactarius = attinente al latte, per il latice che scaturisce dalle lamelle
blennius = mucillaginoso (dal greco blènna = mucillagine)


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Lactarius, Sezione: Glutinosi, Sottosezione: Glutinosini, Specie: blennius.


Commestibilità


Non commestibile.


Descrizione

Nella sottosezione Glutinosini vengono raggruppati quei Lattari la cui superficie pileica si presenta molto vischiosa. Oltre questo carattere, L. blennius si caratterizza per il cappello uniformemente colorato, molto spesso cosparso concentricamente di guttule più scure, per il latice bianco che diviene via via grigiastro dopo la raccolta del carpoforo.
Il cappello è all'inizio convesso, poi piano, un po' depresso al centro e talvolta leggermente umbonato, e raggiunge un diametro di circa 10 centimetri. Ha consistenza soda e carnosa nell'esemplare giovane, elastica nell'esemplare adulto. Il margine è sottile, regolare, non eccedente, piuttosto pubescente. La cuticola è separabile per circa ¼ del raggio, brillante, molto vischiosa col tempo umido, di colore grigio-bruno con tonalità olivastre, marcata da piccole macchie più scure disposte in maniera concentrica.
Le lamelle sono adnate-decorrenti, arcuate, mediamente fitte e intercalate da lamellule, bianche; si macchiano poi grigio-verdognolo alla frattura anche per effetto del latice abbondante, dolce ma presto molto acre, bianco ma che lentamente vira al grigio olivastro. Il latice reagisce in maniera immediata alla potassa o all'idrato di ammonio colorandosi di rosso.
Il gambo può essere alto anche più di 6 centimetri; è sub cilindrico, un po' attenuato verso il basso, glabro, pieno e duro all'inizio poi farcito e infine cavo. Ha gli stessi colori del cappello ma con tonalità più chiare.
Carne cassante, biancastra ma colorata di grigio verdastro sotto la cuticola del cappello e nella corteccia del gambo. Odore nullo, sapore acre. Reazione rapida al grigiko-verde con tintura di Guaiaco.
Basidiospore (6,5 / 8,5 x 5,5 / 6,5 μm.) da sub globose a largamente ellissoidi, verrucose e reticolate, in parte debolmente amiloidi, bianco crema in massa.
E' un Cortinario diffuso e frequente nelle faggete (Fagus sylvatica) in estate e in autunno.


Possibilità di scambio

Il Lange identifica un Cortinarius blennius fo. virescens: avrebbe dimensioni minori, una colorazione pileica uniformemente verde, cuticola vischiosa ma quasi del tutto priva di guttule.
Cortinarius fluens Boudier è stata talvolta sinonimizzata con L. blennius e ne è sicuramente la specie più prossima: la cuticola del cappello ha tonalità più verdastre sbiadente verso il margine, è generalmente asciutta e pruinosa, zonata di bruno ma priva di guttule. Le lamelle sono crema carnicino. La sua caratteristica più evidente è di possedere un latice molto abbondante (come quello del Lactarius volemus v. scheda n. 8), bianco e non ingrigente.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 67;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 1, pag. 429 n. 1700;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 352;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 364;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 30 n. 105, tav. 12/1;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 482 n. 1574;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 214;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1874;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 57 n. 477, tav. 18;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 357, tav. 20;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 210, fig. 538;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol.1, tav. 4/B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 365, foto n. 179;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 138 n. 210;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 118;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 6, pag. 86, tav. 541;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 11;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 175;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 136;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 476;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 456;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 98
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 487;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 252;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 130;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 328;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 153;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 83;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 396, tav. 328;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 173;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 12;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 86;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 358;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 121;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 293;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 97;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 438, tav.649;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 404, n. 1544;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 535, tav. 172;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 246;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 263, Iconografia n. 455;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 299;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 205;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 148, tav. 12/15;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 118;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 47;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 786;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 800, foto 825;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 331;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 239;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 50, foto 9;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 115;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 412;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 348;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 306;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 402 n. 1113;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 138;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 118;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 286;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 134.


Monografie:

Blum J. : Les Lactaires, Ed. Lechevalier, Paris, 1976, pag. 182;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Lattari, Edagricole, Bologna, 1998, pag. 128 n. 30;

Basso M.T. : Lactarius Pers., Fungi Europaei Vol. 7, Ed. Mycoflora, Alassio, 1999, pag. 79.



(Sandro Ascarelli)