Scheda n.350         -       Ottobre 2012      -        Riferimento 770




COPRINUS NIVEUS (Pers. : Fr.) Fries




coprinus-niveus_20120926_1237523249.jpg









foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

Sinonimi

Agaricus niveus Scopoli (1772), Agaricus stercorarius Bulliard (1781), Agaricus niveus Persoon (1801), Fries (1801).
Volg.:
Coprino niveo







Etimologia

Còprinus = attinente lo sterco (dal greco kòpros = sterco, letame);
niveus = niveo, bianco come la neve



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes,  Sottoclasse: Agaricomycetideae,  Ordine: Agaricales,  Famiglia: Coprinaceae, Genere. Coprinus, Sottogenere: Micaceus, Sezione: Farinosi, Specie: niveus.


Commestibilita'

Specie senza alcun valore alimentare.


Descrizione

Mi ha sempre incuriosito questo fungo crescente su una sostanza che più lontana dal suo colore bianco immacolato non potrebbe essere: ma anche in questi casi c'è un poeta capace di collocarlo in una sua giusta dimensione. Costui è uno dei più grandi cantautori contemporanei, Fabrizio de Andrè quando, in una sua canzone dice che...... dai diamanti non nasce niente .......dal letame nascono i fior!
Cappello fino a 4 cm di diametro, da ovale-campanulato a espanso, alla fine a volte col margine revoluto; cuticola fioccosa e farinosa come coperto da neve, margine revoluto, striato, frangiato.

Lamelle larghe, fitte, adnate, bianche, con il margine fioccoso, poi grigie infine nere e deliquescenti, dopo la maturazione delle spore.
Gambo 4-10 x 0,2-0,3 cm, cilindrico, tubuloso fragile, bianco, lanoso nella parte inferiore.
Carne sottile, fragile, membranacea, bianco-grigiastra, odore nullo, sapore dolciastro. Spore da ellissoidali ad amigdaliformi, con poro germinativo, di 14-18 x 9,8-13,8 micron, nere in massa.
Specie saprofita-coprofila, cresce in boschi, prati, pascoli montani su letame di erbivori: le spore di questo fungo subiscono una "pre-germinazione" passando attraverso l'intestino dell'animale che ha mangiato questi funghi assieme all'erba per cui, una volta espulse con gli escrementi, danno subito inizio alla formazione del micelio e alla rapida successiva produzione di carpofori.



Possibilita' di Scambio

È un fungo che si riconosce facilmente ed è difficile confonderlo con altri. Una possibilità di confusione è quella di imbattersi in esemplari di Coprinus lagopus che, nel loro primo stadio di sviluppo sono ricoperti di fioccosità bianche sul cappello che possono ricordare C. niveus; ma basta osservare che il suo habitat non è fimicolo, ma cresce da saprofita nella lettiera del bosco e, raramente, fra l'erba dei campi.



Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pa. 166, tav. 79/6;
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 312;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1088 n. 4407 ;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 51;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 53, pa. 189, tav. 20/4;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 505 n. 1653;
Habersaat E. :
Schweizer Pilzflora, Verlag Hellwag, Berna, 1945, pag. 265 n. 944, tav. 106/3;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1887;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 131, tav. 39, n. 1129;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.. 613, fig. 322G ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 136 n. 322;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 2034;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pa. 55, foto n. 879;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 428;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 384, fig. 29;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 262;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 276;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 215;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 193;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 178;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 33;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 272 ;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 270;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 154;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 942, foto 781;
Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 220, foto 293;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 260, n. 770;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 509, tav. 159 ;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 147;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 131;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 227;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 176;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 583;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 461, foto 340;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 811;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 246, foto 295;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 79;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 356;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 185;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 386 n. 1072;
Brotzu R:
e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 28 n. 431;
Essartier G. & Roux P. :
Le guide des champignons,Belin, Paris, 2011, pag. 924.

(Gianfranco Sperati)