Scheda n.345         -       Ottobre 2012      -        Riferimento ---




SERPULA LACRYMANS (Wulf in Jacq. : Fr.) Schroeter 1885





serpula_lacrimans_2_20120926_1743764900.jpg








foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

Sinonimi

Boletus lacrymans Wulfen, in Jacquin (1781), Merulius vastator Tode (1783), Boletus obliquus Bolton, (1788), Merulius destruens Persoon (1801), Sistotrema cellare Persoon (1801), Merulius lacrymans (Wulfen) Schumacher (1801), Serpula destruens (Pers.) Gray (1821), Xylomyzon destruens (Pers.) Persoon (1825), Merulius giganteus Sauter. (1877), Sesia gigantea (Saut.) Kuntze (1891), Merulius guillemotii Boudier (1894), Merulius lacrymans var. terrestris Peck (1897), Gyrophana lacrymans (Wulfen) Patouillard (1900), Merulius lacrymans var. guillemotii (Boud.) Boudier (1911), Merulius domesticus H.G. Falk (1912)), Merulius terrestris Burt (1917), Serpula domestica (Falck) Bondartsev (1948), Serpula terrestris (Burt) S. Ahmad, (1972)).







Etimologia

Serpula = attinente alle bisce, che striscia come le bisce (dal latino serpula = biscia),
lacrymans =
lacrimante, piangente (dal latino lacrima)


Sistematica

Regno : Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Boletales, Famiglia: Serpulaceae, Genere: Serpula, Specie: lacrymanss


Commestibilita'

Non commestibile.


Descrizione

E' considerato uno dei funghi più pericolosi poiché distrugge non solo il legno delle essenze arboree esposte all'umidità, ma aggredisce anche quello, lavorato, che si trova all'interno di ambienti umidi e poco ventilati. Le proprietà distruttive di questa specie si evidenziarono alla fine del XVIII° secolo quando provocarono il dissolvimento delle tavole che formavano la chiglia delle navi facenti parte della flotta dell'ammiraglio Nelson e si ricorda ancora il notevole danno provocato, negli anni '40, ai soffitti del Palazzo di Giustizia di Ginevra, che dovettero essere completamente demoliti e sostituiti. La diffusione del micelio può avvenire, in maniera subdola, anche attraverso i muri e può svilupparsi o attraverso numerose ife sottili che penetrano nel legno e lo distruggono con i loro enzimi, oppure per il tramite di spessi cordoni cotonosi che riescono a diffondersi anche attraverso le opere murarie o i metalli consentendo al fungo di superare quelle barriere che non costituiscono una forma diretta di nutrimen-to.
Da questi cordoni miceliari, disposti come cuscinetti biancastri o violacei, sterili, si sviluppano i corpi fruttiferi resupinati, sotto forma di placche orbicolari, membranose, estese anche per decine di centimetri, con superficie fertile a pieghe irregolari, di colore brunastro ma con il margine festonato di bianco. La consistenza acquosa può far sì che il basidioma possa trasudare delle goccioline di un liquido brunastro, simili a delle lacrime.
La carne, biancastra, ha una consistenza spugnosa, ma cornea al secco.
Odore e sapore lievi e fungini, talvolta non apprezzabili.
Spore ellissoidali o più o meno cilindriche, lisce, non amiloidi, bruno-giallastre, 5,5 / 7 x 10 / 12 μm. Sporata bruna.
Si produce tutto l'anno su legno esposto alle intemperie o conservato in ambienti umidi e non sufficientemente areati.



Possibilita' di Scambio

Il genere Serpula comprende quattro specie, non facilmente distinguibili tra loro, ma tutte saprotrofe, con sistema ifale monolitico e con sporata brunastra.



Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 62;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 419 n. 6563;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 30;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1032;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 622 n. 2102;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1836, fig. 1144;
Zeitlmayr L.
: I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 104;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 23;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 605;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 158 n. 1360, tav. 47;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 50 n. 72;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 294A;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 559, foto n. 737;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 195;
Schlitter J.
: Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag. 4;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 415, foto 593;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 449;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 211;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 238;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 489;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 102;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 322;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 46;
Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 235;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 240;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 170;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 174, tav. 219;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 138 n. 63 in nota;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 286;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 129;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 159;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 27;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 229;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 220 in nota;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 335 in nota;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 96 n. 149;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 210, foto 242 in nota;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 66;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 554 n. 1551.


(Gianfranco Sperati)