Scheda n.344         -       Ottobre 2012      -        Riferimento 804




PSATHYRELLA PILULIFORMIS (Bull. : Fr.) Orton





psathyrella_piluliformis-1_20120926_2035463356.jpg








foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

Sinonimi

Agaricus piluliformis Bulliard (1783), Agaricus hydrophilus Bulliard (1791), Hypholoma hydrophilum (Bull.) Quélet (1872), Bolbitius hydrophilus (Bull.) Fries (1874), Hypholoma piluliforme (Bull.) Gillet (1878),
Hypholoma subpapillatum P. Karsten (1879), Drosophila hydrophila (Bull.) Quélet (1886), Drosophila hydrophila var. piluliformis (Bull.) Quélet (1886)
Drosophila piluliformis (Bull.) Quélet (1886), Psathyrella hydrophila (Bull.) Maire, (1937), Drosophila subpapillata (P. Karst.) Kühner & Romagnesi (1953),
Drosophila appendiculata var. piluliformis (Bull.) Kühner & Romagnesi (1953),
Psathyrella subpapillata (P. Karst.) Schulmer (1955),
Psathyrella appendiculata var. piluliformis (Bull.) Svrček & Kubička (1964),
Psathyrella subpapillata (P. Karst.) Romagnesi (1982).







Etimologia

Psathyrella = piccolo fungo fragile (dal latino psathyrus = soffice, fragile),
piluliformis =
a forma di pallina, di pallottolina (dal latino pilula = pallottolina, pillola e forma = forma


Sistematica

Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Agaricales, Famiglia: Coprinaceae, Genere: Psathyrella , Sottogenere : Pseudostropharia, specie : pilulifor-Mis.


Commestibilita'

Non commestibile.


Descrizione

Alla famiglia delle Coprinaceae appartiene il controverso genere Psathyrella, sinonimizzato con il termine Drosophila anche se quest'ultimo venne utilizzato dal Quèlet e da altri micologi per unire i generi Psathyra e Psathyrella, affini tra loro ed affini ad altre specie che in tempi successivi si sono affiancate i generi suddetti.

Al genere Psathyrella si ascrivono un centinaio di specie (il micologo americano A. H. Smith ne menziona addirittura circa 400!), di non facile determinazione, comprendenti carpofori di taglia piccola o media, fragili, a sporata scura, omogenei, terricoli o lignicoli, che si nutrono di sostanze organiche o in via di decomposizione (letame, marcite di foglie, legno degradato etc.).


Al sottogenere Pseudostropharia appartiene la specie in esame che cresce in maniera fascicolata, a volte in colonie di numerosi esemplari. Il cappello (con un diametro di 5 o 6 centimetri) ha una forma da emisferica a piana-convessa, da bruno castagna a bruno scuro con sfumature rossastre o rosate, che, a secco, tende a sbiadire. Il margine è sottile, striato per trasparenza, talora appendicolato per residui di una cortina che si dissolve rapidamente.

Le lamelle sono mediamente fitte, adnate, inizialmente di color ocra ma poi brune o color cioccolato.

Gambo fragile, cilindrico, fibrilloso, liscio, bianco o color ocra, striato o debolmente pruinoso all'apice, privo di anello o con anello ma precocemente fugace.

Carne marrone pallida nel cappello o alla base del gambo, biancastra altrove. Odore e sapore insignificanti.

Spore marroni più o meno scuri, ellissoidali, lisce. Prive di evidente poro germinativo. Dimensioni: 4,5 / 7 x £ / 3,5 micron. Sporata bruno-porpora.

P. piluliformis cresce in estate e in autunno, fascicolata, in luoghi umidi e ben concimati, soprattutto tra le foglie cadute o in possimità di tronchi, nei boschi di latifoglie.



Possibilita' di Scambio

Potrebbe confondersi con Kuehneromyces mutabilis (vedi scheda n. 97), commestibile, che tuttavia ha colori pileici più chiari, un gambo che si tinge di scuro nell'estremità basale e un anellino membranaceo sempre evidente.
Lo scambio (pericoloso) con alcuni Hypholoma che crescono anche essi cespitosi sui tronchi appare poco probabile, tenendo presente il colore delle lamelle che varia dal giallo oliva al violetto.

Altre specie simili: Psathyrella spadicea e Psathyrella candolleana (v. scheda n. 136).



Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 296;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1040 n. 4220;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 63;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, . tav. 888 ;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 222 n.741, tav. 64/6 ;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 268 n. 805;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Ensei-
gnement, Paris, 1967, pag. 121, tav. 37, n. 1044;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 606, fig. 87/8 ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 138 n. 329;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 87, foto n. 898;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 431;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 365, fig. 494;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 147 ;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 279;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 295;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 607, foto 93 ;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 184;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1994, collez. 13, tav. 634;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 194 ;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 174;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 73 in nota;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 163;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 266;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 275;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 280;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 159 ;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 263, foto 190 ;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 268, n. 804;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 170;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 243;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 233;
Dickinson
C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 241;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 317;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 94;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 579 ;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 473, foto 520 ;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 282;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 261 n. 335;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 280 , foto 347 ;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 80;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 201;
Mazza R.
: Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 201 n.144;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 364 ;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 183;
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 69;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 396 n.1102;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 198;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 169 n. 422;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons,Belin, Paris, 2011, pag. 904.



(Gianfranco Sperati)