Scheda n.346         -       Ottobre 2012      -        Riferimento 287




LEPISTA INVERSA (Scop.: Fr.) Patouillard 1887





lepista_inversa_gs_20120926_1539375305.jpg








foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

Sinonimi

Agaricus inversus Scopoli (1772), Agaricus flaccidus Sowerby (1799), Agaricus lobatus Sowerby (1799), Agaricus lobatus var. lobatus Sowerby (1799), Agaricus splendens Persoon (1801), Agaricus gilvus Persoon (1801), Agaricus gilvus var. flaccidus (Sowerby) Persoon (1801), Agaricus gilvus var. gilvus Persoon (1801), Omphalia gilva (Pers.) Gray (1821), Omphalia lobata (Sowerby) Gray (1821), Agaricus fimbriatus var. lobatus Fries (1821), Agaricus gilvus var. splendens (Pers.) Fries (1838), Agaricus lentiginosus Fries (1838) , Clitocybe flaccida (Sowerby) P. Kummer (1871), Clitocybe gilva (Pers.) P. Kummer (1871), Clitocybe gilva var. splendens (Pers.) P. Kummer (1871), Clitocybe inversa (Scop.) Quélet (1872), Clitocybe splendens (Pers.) Gillet (1874), Omphalia inversa Quèlet (1886), Omphalia flaccida Quèlet (1886), Lepista inversa (Scop.) Patouillard (1887), Lepista flaccida Patouillard (1887), Omphalia inversa var. flaccida Quèlet (1888), Lepista gilva (Pers.) Patouillard (1900), Lepista splendens (Pers.) Konrad (1927), Lepista flaccida var. lobata (Sowerby) Romagnesi & Bon (1987), Lepista flaccida f. gilva (Pers.) Krieglsteiner (1991), Paralepista gilva (Pers.) Raithelhuber (1996), Lepista flaccida var. inversa (Scop.) Chiari (2001).







Etimologia

Lepista = fungo pelato (cioè senza particolari ornamenti) (dal greco lepistós = nudo, pelato);
inversa = invertita (dal latino inversus = invertito), perché il cappello possiede margine involuto.



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Clitocybeae, Genere: Lepista, Sezione: Gilvoideae, Specie: inversa.


Commestibilita'

Commestibile. Privilegiare i giovani esemplari.


Descrizione

Credo sia una delle ultime risorse fungine prima dell'inverno perché, soprattutto lungo le pinete del litorale se ne trovano in abbondanza fino ai primi freddi dell'inverno. Bisogna però fare molta attenzione quando si raccolgono in quanto possono aver subito dei periodi più o meno brevi di congelamento: in questo caso i cappelli dei funghi si sfaldano facilmente alla pressione delle dita ed è quindi opportuno lasciarli dove sono perché, se ingeriti in quello stato, anche se cotti, possono provocare seri avvelenamenti gastroenterici.

Il cappello misura 4-10 cm di diametro, è prima appianato poi depresso, alla fine imbutiforme, con il margine lungamente involuto poi incurvato, disteso e ondulato-lobato nell'adulto; la superficie è liscia, untuosa e lucente a tempo umido; la colorazione varia dal giallo-aranciato-fulvo al rossastro-arancio con centro sempre leggermente più scuro, decorata da fibrillature radiali compenetrate, più evidenti verso il margine e da guttule brunastre sparse grossolanamente, soprattutto con i primi freddi; con il secco la colorazione degrada su tonalità giallastro-alutacee.

Le lamelle sono molto fitte, strette, molto decorrenti sul gambo, frammiste a numerose lamellule, separabili in blocco dalla carne del cappello; quasi bianche nel giovane, poi crema-aranciate, con macchie brunastre in vecchiaia.

Il gambo è di 30-60 x 6-12 mm, cilindrico, leggermente svasato sotto le lamelle, pieno all'inizio poi cavo, fibroso-elastico e tenace, bianco nel giovane poi concolore al cappello, con fibrille longitudinali e un feltro basale bianco che ingloba il substrato nell'atto della raccolta.

La carne è tenace, fibrosa nel gambo, biancastra con sfumature fulve, odore fungino marcato e sapore mite-dolciastro con retrogusto un po' astringente.

Spore 3,5-5 x 3-4 micron, largamente ellissoidali o subglobose, bianco-crema in massa.

Cresce, nell'autunno inoltrato ed anche all'inizio dell'inverno, in boschi di aghifoglie, in gruppi numerosi o in cerchi delle streghe.



Possibilita' di Scambio

Confondibile con Lepista flaccida, che è più piccola e vive in boschi di latifoglie. Può essere confusa anche con Lepista gilva, ma quest'ultima presenta delle guttule innate ocracee soprattutto al margine del cappello. Da Clitocybe gibba è facile distinguerla perché si tratta di una clitocibe e quindi le lamelle non si staccano a blocco dalla pagina inferiore del cappello (vedi scheda n. 13).



Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 81;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 172 n. 619;
L Quèlet. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 245;
Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1888, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 74, tav. 60/6-8;
Bresadola J. : Iconographia mycologica,, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 170;
Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 97 in nota;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 330 n. 1104, tav. 102/4;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 283 n. 861;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 143;
Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 34 tav. 63;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 104;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav.68;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 625 tav. 12;
Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 103 tav. 63;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 26 , tav. 8, n. 199;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 454 ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92 n. 189;
Romagnesi H. : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 95;
Cetto B. : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 343, foto n. 164;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SA IE, Torino, 1970, pag. 117, n. 57;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. : Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 105a;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 62 n. 127;
Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 262;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 139;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 25;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2 pag.156 n. 588 in nota;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 120;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.. 140;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 122;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 122;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 85;
Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 155;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 48;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez.4, tav. 178;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag.31;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 142;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 172;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 91;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 222;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 66;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 797 n. 1111a ;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 110, foto 327 ;
Brotzu R.: Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 145, foto 77;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 174, n. 287;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 54, tav. 35 ;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag.279;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 159;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 135, Iconografia n. 175;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 177;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142, tav. 9/7;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 214 ;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag.79 ;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 31;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag.9;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 441;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 875, foto 270;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 72;
Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 165, foto 66;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 157 n. 61;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 212, foto 244;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 142;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 62;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 307;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag.220 ;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 110;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 465;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 214, scheda n. 54;
, Bologna 2005, pag. 130;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 99.
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag.113;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 164 n. 408;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.98;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 326;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 69, n. 142;
De Angelis, Di Massimo e Materozzi: I Funghi, Ed. Hoepli, Milano, 2012, pag. 120;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons,Belin, Paris, 2011, pag. 924.


(Gianfranco Sperati)