Scheda n.340         -       Setembre 2012      -        Riferimento pag. 497
MARASMIUS ROTULA (Pers. ex Fr.) Fries.



smarasmius_rotula_gs2_20120801_1844897519.jpg






Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus rotula Scopoli. 1772, , Merulius collariatus Withering 1796, Micromphale collariatum (With.) Gray 1821, Androsaceus rotula (Scop.) Patouillard. 1887.
Volg.: Marasmio piccola ruota, Fungo paracadute

Etimologia
Marasmius = deperito (dal greco: marasmòs = deperimento, debolezza);
rotula
= rotellina, per la forma del cappello; (dal latino rota = ruota, diminutivo rotula = piccola ruota)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Marasmieae, Genere: Marasmius, Sezione: Marasmius, specie: rotula.
Commestibilita'
Senza valore, data l'esiguità della carne e le dimensioni minime.
Descrizione

Questi piccoli funghi, a forma di paracadute, attirano la nostra attenzione sia per la bellezza e la perfezione del loro disegno sia perché riescono a vivere in piccolissimi habitat, come una foglia morta.
Il cappello misura 0.5-1,5 cm di diametro, è convesso, membranoso, liscio, asciutto, ma con una depressione centrale, a mo' di ombelico, in cui convergono dei profondi solchi radiali distanziati; il colore è marrone nella depressione, biancastro altrove.
Le lamelle sono molto distanziate, disposte in corrispondenza delle pieghettature del cappello e collegate a un piccolo collarium che circonda il gambo, lasciandolo completamente libero; esse sono di colore bianco o bianco-giallastro.
Il gambo è sottilissimo, di 1.5-8 cm di lunghezza e 1-2 mm di spessore; tenace, uguale, secco, lucido, pallido in un primo momento, ma presto con toni rosso-bruni fino a neri, tranne all'apice; a volte alla base sono presenti delle setole rigide.
La carne è sottile, insignificante priva di odore e sapore distintivo.
Le spore misurano 6,5-8 x 2-4 micron e sono lisce, più o meno ellittiche, ialine, bianche o giallo pallide in massa.
Cresce come saprofita su bastoncini e detriti legnosi, foglie cadute, in boschi di latifoglie, da solo o gregario, dalla primavera all'autunno.

Possibilita' di Scambio

Una specie simile è Marasmius androsaceus, noto come Agarico crine di cavallo, ma è più piccolo ed ha le lamelle collegate allo stelo piuttosto che ad un collare. Si può confondere anche con Marasmius bulliardii, anch'esso di dimensioni molto ridotte, con colorazioni pileiche ocra-pallide, cresce di preferenza su foglie, faggio o querce e presenta una papilla bruno-rossiccia al centro del cappello. Naturalmente sono tutte specie prive di valore alimentare.

Bibliografia
Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag. 195, fig. 74/5;
Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 236;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 541 n. 2150;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.313;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 502/1 ;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 73 n. 263, tav. 25/10;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 531 n. 1751;
Habersaat E.
: Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 245 n. 750, tav 87/6;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1886;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 621, fig. 491;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 66 n. 541, tav. 20;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.434, fig. 34, ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 112 n. 254;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 253;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag, 235, foto n. 997;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 227;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 208b;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 245;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G.
: L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 92;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 83;
Dermek A.
: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 150, pag. 224.
Griffiths
D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 42 n. 28;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 165;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 131;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 170;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 774, foto 2;.
Phillips R.
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 67;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 150;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 100;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 214;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 66;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, tav.; 220/1;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 174;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 211;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 137;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 78;
Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 114, foto 629;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1993, collez. 12, tav. 580;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 214 n. 497;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 76, tav. 48;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 288;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 187;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 115, Iconografia n. 130;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 167;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 224;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 33;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 177;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 467 in nota;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 663, foto 325;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 830;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 184 n. 127;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 242, foto 291;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 66;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 86;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 194;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 160;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 220 n. 570;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 101;.
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro,
Essartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 463.



(Gianfranco Sperati)