Scheda n.332         -       Agosto 2012      -        Riferimento n. 1289
HYPHOLOMA CAPNOIDES (Fr. : Fr.) P. Kummer 1871







s_hypholoma_capnoides_5_20120719_1282896270.jpg





foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus capnoides Fries (1818), Naematoloma capnoides var. capnoides (Fr.) P. Karsten (1879), Naematoloma capnoides (Fr.) P. Karsten (1880), Geophila capnoides (Fr.) Quèlet (1886), Dryophila fascicularis var. capnoides (Fr.) Quélet (1888), Dryophila capnoides (Fr.) Quélet (1888), Psilocybe capnoides (Fr.) Noordeloos (1995).

Volg. : Ifoloma con lamelle color fumo.

Etimologia
Hypholoma = con l'orlo frangiato  (dal greco hùfos = frangia, tessuto, e lòma = orlo),
capnoides = affumicato (dal greco kapnòs = fumo).per il colore cinereo delle lamelle.

Sistematica
Regno: Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homoba-sidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomicetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Strophariaceae, Tribù: Stropharieae, Genere: Hypholoma, Specie: capnoides.
Commestibilita'
È un fungo che molti testi considerano commestibile. E' tuttavia preferibile evitarne il consumo per la possibilità di confonderlo con specie simili, tossiche.
Descrizione

Il Genere Hypholoma è costituito da una dozzina di specie europee i cui basidiomi sono per lo più lignicoli e cespitosi, carnosi, con un velo cortiniforme fugace e che rimane sotto forma di residui filamentosi colorati formanti una zona anulare colorata lungo la parte alta dello stipite. Nella maggior parte dei casi la lamelle sono giallastre, olivastre o violette, ad eccezione dell^ Hypholoma capnoides che si caratterizza per una colorazione grigistra (con sfumature azzurrine) delle lamelle stesse.

Il cappello,  40-80 mm di diametro, è all'inizio emisferico poi convesso e spianato con l'orlo sottile e regolare, a lungo incurvato verso le lamelle e talora appendicolato per residui di cortina del velo parziale; la cuticola è liscia, glabra, brillante con il tempo umido, altrimenti opaca, da giallo-ocra a giallo-arancio, centralmente rosso mattone.

Le lamelle sono mediamente fitte, annesse al gambo con un dentino, biancastre all'inizio, poi grigiastre con sfumature azzurrine tendenti ad una colorazione violacea per sovrapposizione delle spore. Il filo delle lamelle, ondulato o seghettato, rimane a lungo più chiaro del colore di fondo delle lamelle stesse.

Il gambo, 40-110x6-9 mm. di diametro, è cilindrico, slanciato, flessuoso, arcuato, elastico, fibrilloso, fibroso, pieno ma presto farcito poi fistoloso, è dello stesso colore della cuticola del cappello nella parte alta ma bruno-aranciato alla base. Al di sotto delle lamelle risulta evidente una sottile zona anulare scura, cortiniforme residuo dell' effimero velo parziale.

La carne è esigua ma soda, più presente nella zona discale del cappello, chiara o biancastra ovunque tranne che nella zona basale del gambo, ove è brunastra. E' l'unico Hypholoma il cui sapore è acidulo, dolciatro, mai nettamente amaro, l'odore è insignificante.

Microscopia: spore ellissoidali o subamigdaliformi, lisce, con parete abbastanza spessa, con evidente poro germinativo, 7 / 8,5 x 4 / 5 micron, brunastre, bruno-porpora in massa.

Cresce in gruppi cespitoso-fascicolati su legno o su ceppaie di aghifoglia, in montagna dove può rinvenirsi abbastanza frequentemente dalla primavera all'autunno inoltrato.

Possibilita' di Scambio

Il colore grigiastro-azzurrino delle lamelle ed il sapore non amaro della carne non sono elementi sufficienti per una determinazione esaustiva di questa specie; infatti la colorazione delle lamelle può variare in funzione dell'età del carpoforo mentre il sapore può essere più o meno avvertibile soprattutto negli esemplari umidi o bagnati. Per tale ragione i micologi avvertono che H. capnoides può facilmente scambiarsi con H. fascicolare (Huds. : Fr.) Kummer (vedi scheda n. 253) o con H. sublateritium (Sch. : Fr) Quèlet (vedi scheda n. 87), specie ambedue molto tossiche.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 289;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1028 n. 4175;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 154;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 845;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 223 n. 743, tav. 65/5;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.261 n. 784;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 186;
Habersaat E.
: Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 43, n. 96, tav. 23/1;
Zeitlmayr L.
: I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 148, tav. 21;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 30 in nota;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 121 n. 1053 in nota, tav. 37;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 596;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 144 n. 344;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 189, foto n. 52;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 133 n. 177;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G.
:Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 36 in nota;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 102 in nota;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 421;
Schlitter J.
: Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 74;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 335;
Arietti N. & Tomasi R:
: I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 178;
Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 329 n. 240 in nota;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 294;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 230;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 311;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 708, foto 62;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 285;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 270;
Togni N.
: Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 124;
Blatto L.
: Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 70, foto 56;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 281;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 172;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 159;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 57;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 169;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino
, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 174 n. 154;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 252;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 281;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 116;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 191;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 149;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 910 n. 1254;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 358 n. 1289;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 482 , tav. 144;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 234;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 242;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 197, Iconografia n. 312;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 200;
Pace G.:
Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 144, tav. 10/3;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 318;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 213;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 86;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 721;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 840, n. 521 in nota;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 246;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 270 n. 364;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 320, foto 408;
Gruppo Micologico Bresadola
: Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 201;
Nonis U:
: 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 88;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 103;
Mazza R.
: Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 202 n. 145;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 342;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 273;
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 76;
La Chiusa
L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 106;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 280 n. 753;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag.
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 185;.
Essartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 829.


(Sandro Ascarelli)