Scheda n.333         -       Agosto 2012      -        Riferimento n. 1050
INOCYBE GEOPHYLLA (Fr. : Fr.) P. Kummer 1871




s_inocybe_geophylla_gs1_20120719_1838637617.jpg






foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus ileopodius Bukkiard (1782), Agaricus geophyllus Sowerby (1799), Agaricus argillaceus Persoon (1801), Agaricus inodorus Bulliard (1801), Agaricus albus Schumacher (1803), Inocybe geophylla var, alba Schumacher (1803), Inocybe geophylla f. geophylla (Fr.) P. Kummer (1871), Inocybe geophylla var geophylla (Fr.) P. Kummer (1871)., Inocybe clarkii (Berk. & Broome) Saccardo (1887), Inocybe geophylla var. alba Hruby 1930.

Volg. : Inocibe a lamelle color terra

Etimologia
Inòcybe = testa fibrosa (dal greco is, inòs = fibra delle piante e kùbe = testa)
geophylla = con le lamelle color terra (dal greco = terra e fùllon = foglia, lamella).

Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Inocybeae, Genere: Inocybe, Sottogenere: Inocybe, Sezione: Tardae, Sottosezione: Geophyllineae, Specie: geophylla
Commestibilita'
È una specie tossica; causa la sindrome muscarinica a breve latenza. La tossina responsabile è la muscarina, un alcaloide che agisce per stimolazione del parasimpatico, passando velocemente attraverso il tubo gastroenterico. La sindrome è caratterizzata dalla presenza di vomito, diarrea, debolezza, mancanza di minzione, sudorazione profusa, riduzione della frequenza cardiaca, contrazione delle pupille, ansia. Il trattamento di cura prevede la lavanda gastrica, la somministrazione di solfato di atropina e l'idratazione. Ripetiamo ancora una volta che tutto il genere Inocybe è da considerarsi tossico o, perlomeno sospetto.
Descrizione

Si trova ovunque nei boschi e, nella fascia mediterranea, anche all'inizio dell'inverno e si riconosce facilmente per la sua gregarietà, la sua piccolezza ed esiguità della carne ed il suo forte odore spermatico.
Il cappello misura 20-50 mm di diametro, inizialmente conico-convesso poi più aperto, mai completamente spianato, con largo umbone centrale e leggera depressione nella fascia attorno al disco; il margine è involuto nel giovane, diritto a maturazione; la superficie, inizialmente bianco-candida, assume in seguito tonalità grigio-biancastre con sfumature ocracee, soprattutto sul disco; la cuticola è liscia, di aspetto sericeo.
Le lamelle sono da attingenti a smarginato-adnate al gambo, frammiste a numerose lamellule di diversa lunghezza, di colore grigio-biancastro all'inizio, man mano diventano più scure fino ad assumere un colore terroso con vaghi riflessi olivacei; il filo delle lamelle è biancastro, persistente e minutamente cigliato.
Il gambo misura 30-60 x 3-6 mm ed è cilindrico, slanciato, sinuoso, bulbilloso o appena marginato alla base, biancastro, sericeo-fibrilloso, leggermente striato nella parte superiore, pieno nel giovane poi cavo-fistoloso a maturazione.
La carne è sottile, fibrosa, elastica, di sapore mite ed odore spermatico.
Le spore misurano 8,5-10 x 5,5-6,4 micron, sono ellissoidali e di colore bruno-ocra chiaro in massa.
Cresce su terreno umifero ed umido, in estate-autunno fino all'inizio dell'inverno, in simbiosi con moltissime specie arboree, anche se sembra prediligere le aghifoglie dei boschi termofili; più frequente lungo il bordo dei viottoli boschivi.

Possibilita' di Scambio

Si può confondere con alcune varietà della stessa specie, come var. lilacina, var. violacea, var. fulva, che si differenziano per i colori. Non è il caso di mettere in questo gruppo la var. alba, che deve essere considerata un sinonimo. Anche in questi casi la sindrome è la stessa.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 258;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 784 n. 3227;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 102;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 845;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 96 n. 340, tav. 30/2;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 196 n. 547;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 171;
Habersaat E.
: Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 63, n. 163, tav. 30/7;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 105 n. 893, tav. 32;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 511;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 152 n. 374;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav.231 A e B;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 241, foto n. 90;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 129 n. 150;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 346;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 221;
Arietti N. & Tomasi R:
: I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 87, tav. 10;
Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 365 n. 275;
Dermek A.
: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 217, pag. 292;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 320;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 190;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 339;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 629, foto 16;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 198 ;
Phillips R.
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 150, 151;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 142;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 254;
Selezione dal READER DIGEST
: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 190;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F.
- Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 84 in nota;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 179;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 150;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 100;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 63;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 240;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 294;
Bozak R.
: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 85; pag. 165.
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 118;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 195;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 371;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 122;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 616, n. 863;
Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 222 n. 150;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 316 n.1050;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 418 , tav. 112;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 241;
Di Bella F:
: Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 149;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 254;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 177, Iconografia n. 268;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 287;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 203 in nota;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 326;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 170;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 100;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 661;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 531, foto 342 ;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 170;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 284 n. 405 ;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 74, foto 21;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 230;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 180;
Mazza R.
: Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 277;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 304;
Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 270;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 263;
AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 394 n. 135:
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 134;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 368 n. 1021;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 190;
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 260;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 34, n. 535;
Essartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 884.


Monografie:

Alessio C.L.
& Rebaudengo E. : Inocybe, Iconographia Mycologica Vol. 29, Supplementum 3, Museo Tridentino di Scienze Naturali, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1870, pag. 142, tav. 27.





(Sandro Ascarelli)