Scheda n.322      -         Giugno 2012        -       Riferimenti n. 53
PSEUDOHYDNUM GELATINOSUM (Scop. : Fr.) Karsten
pseudohydnum_gelatinosum_20120604_2044980459.jpg





foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Hydnum gelatinosum Scopoli 1772, Steccherinum gelatino sum (Scop.) Gray 1821, Exidia gelatinosa (Scop.) P. Crouan & H. Crouan 1867, Hydnogloea gelatinosa (Scop.) Berkeley 1873, Tremellodon gelatinosum (Scop.) Fries 1874.
Volg. : Steccherino gelatinoso.
Etimologia
Pseudohydnum = simile, confondibile con un hydnum (dal greco pseǔdos = falso e Hydnum = tartufo)
gelatinsum
= gelatinoso, simile a gelatina.
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Phragmobasidiomycetes, Ordine: Tremellales, Famiglia: Tremellaceae, Genere: Pseudohydnum, Specie: gelatin sum.
Commestibilita'
Commestibile anche crudo ma privo di sapore.
Descrizione

I basidiomiceti che appartengono alla famiglia delle Tremellaceae si caratterizzano, macroscopicamente, per avere ricettacoli, terrestri o lignicoli, di medie dimensioni e di consistenza elastica e gelatinosa. I generi più rappresentativi sono: Tremella, Tremi-scus,Myxarium, Exidia, Pseudohydnum e Sebacina.
Pseudohydnum gelatin sum
, di cui in questa sede ci occupiamo, è facilmente identificabile perché l'imenoforo è costituito da piccoli aculei biancastri, molto simili agli idni, tanto da giustificare la denominazione del genere Pseudohydnum, cioè falso Hydnum.
Il cappello si protende a forma di mensola dal substrato come un ventaglio o come una conchiglia, con un diametro di 5 o 6 centimetri, con orlo piuttosto irregolare, con superficie pileica forforacea o granulosa, completamente bianca oppure bianco-crema o ancora di colore marrone.
Il gambo, quando esiste, è molto breve, laterale, dello stesso colore del cappello.
L'imenio è costituito da aculei conici, morbidi, non molto fitti, gelatinosi, usualmente bianchi, traslucidi, decorrenti.
Anche la carne è traslucida e gelatinosa, molliccia, bianca, priva di odori o di sapori particolari.
Basidiospore piccole (5 / 6 x 4,5 / 5 μm) , globulose o appena ovoidali, lisce, ialine, non amiloidi, con superficie lievemente granulosa. Sporata bianca.
Non è raro incontrarlo, in estate o in autunno, in gruppi di diversi esemplari sovrapposti, crescenti su legno umido, muschioso e degradato di conifere montane.

Possibilita' di Scambio

E' una specie che per le sue particolari caratteristiche non può essere confusa con alcun'altra. La distinzione operata da alcuni Autori tra forma bianca e forma bruna (a seconda del colore pileico dominante) non è dai più condivisa.

Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 407;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 479;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tavv. 1115 e 1116 ;
Rea
C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 736;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 236, fig. a pag. 206b;
Von Frieden L.
: I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 143;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 207 n. 1793, tav. 58;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 268, tav. 5/5;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 222 n. 576;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.306A;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto nn.770 e 771;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 147, fig. 279 ;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G.
:Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.211;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 334;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 166, tav. 381;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 328;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 87;
Schlitter J.
: Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag. 80;
Arietti N. & Tomasi R:
: I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 206;
Mayr C.
: Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 103;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 383, foto 459;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 76;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 354;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 490;
Blatto L.
: Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 430, foto 364;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 292;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 219;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 264;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 37;
Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 402;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 323;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 191;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 184, tav. 233;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 53;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 460;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 371;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 279;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 280, Iconografia n. 480;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 141;
Pace G.:
Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 96;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 434;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 268;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 235;
Epinat C. et Starosta P.
: Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag.94;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 208;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 321, foto 112;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 945;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 57;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 62, foto 19;
Gruppo Micologico Bresadola
: Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 319;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 39;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 293;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 672;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 63;
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 216;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.520 n. 1453;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 255;
Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 994.
(Sandro Ascarelli)