Scheda n.319      -         Giugno 2012        -       Riferimenti n. 410
TRICHOLOMA USTALE Fr. ex Fr.) Kummer 1871
tricholoma_ustale_gs1_20120604_1298788316.jpg






foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus fulvellus Fries 1838, Agaricus ustalis Fries 1818, Gyrophila ustalis (Fries) Quèl. 1886, Tricholoma albobrunneum sensu auct. brit., Tricholoma fulvellum (Fries) Gillet 1874. Nome volgare: Tricoloma bruciato
Etimologia
Tricholoma = con l'orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo), 
ustale = bruciato (dal latino) per il colore del fungo.

Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae. Genere: Tricholoma, Sezione: Albobrunnea, Sottosezione: Pessudantineae, Specie: ustale
Commestibilita'
Deve essere considerato velenoso
Descrizione

Specie abbastanza comune. Consumato da taluni è risultato quantomeno indigesto. Alcuni studi condotti da Ohtsuka et al. nel 1973 in G.B. hanno portato ad isolare un polisaccaride da una cultura miceliare di questa specie che, iniettata nel peritoneo di topolini bianchi, hanno bloccato la proliferazione di cellule tumorali.
Il cKstanienbrauner Ritterling Tricolome brûlé Burnt Knight.
appello di 4-8 cm di diametro è prima emisferico, poi convesso infine disteso, con il margine involuto-arrotondato, poi incurvato verso il basso ed irregolarmente ondulato-lobato negli individui adulti; cuticola sericea e parzialmente separabile dal bordo; viscido in caso di pioggia, bruno castano, più pallido al margine, annerente con l'età.
Stem 30-60 x 10-15mm, fibrous, reddish-brown, apex paler.
Il gambo misura 30-60 x 10-15 mm, è pieno, fibroso, prima interamente bianco , poi decorato da fibrille concolori al cappello, resta chiaro all'apice. Flesh whitish, sometimes reddening slightly.
Le lamelle sono piuttosto fitte ed erose verso il gambo, leggermente ventricose, bianche in origine poi si macchiano di ruggine con l'età mentre i bordi anneriscono.
La carne è biancastra, a volte un po' arrossente, con l'essiccazione tende ad annerire; Taste slightly bitter, smell not distinctive.il gusto è leggermente amaro e l'odore è sgradevole, forse una combinazione di sapone da bucato misto a ravanelli ed ha un sapore ugualmente sgradevole. Gills white, becoming rust-spotted, edges blackening with age.Spore print white.
Le spore sono ellittico-ovali e misurano 5,5-7 x 4-5 micron. La sporata è bianca. Habitat deciduous woods, especially beech.
Cresce nei boschi di latifoglie, di faggio in particolare dalla Season late summer to late autumn.tarda estate al tardo autunno. Rare.

Possibilita' di Scambio

Si può facilmente confondere con Tricholoma ustaloides che ha però un forte e persistente odore di farina, oppure si può confondere con Tricholoma populinum, che però ha odore di farina ed il suo luogo ideale di crescita sono i pioppi, infine la carne è immutabile.
Si può confondere anche con Tricholoma albobrunneum , ma quest'ultimo si differenzia per una netta colorazione bianca della parte alta del gambo che contrasta nettamente con il resto del gambo che è di colore bruno.

Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 37 n. 3;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 94;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 289;
Barla J.B.
: Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 44, tav. 28 fig. 1 - 4;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 298 n. 990, tav. 88/3;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 218;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 19 in nota;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 13 in nota;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 465, fig. 221, tav. 30;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 88 n. 179;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 90;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 570;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 115 n. 41;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G.
:Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 88a;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 9, pag. 170, tav. 882;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 163;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 283;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 153;
Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 116;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 124;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 160;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 126;
Phillips R.
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 39;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 73 in nota;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 179 in nota;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 2004, collez. 23, tav. 1149;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 142;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 39;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 302;
Pandolfi M. e Ubaldi D.
: Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 96 in nota;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino
, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 132 n. 78;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 158;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 164;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 330;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 68;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 778 n. 1083;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 196 n. 410;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 33, tav. 17;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 484;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 141, Iconografia n. 185;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 263;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 62;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 434 in nota;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 897 foto614;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.65;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 342, foto 439;
Gruppo Micologico Bresadola
: Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 125;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 60;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 82;
Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 455;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 141;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.140 n. 325;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.80 in nota;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag.65, n. 139;
Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 514.


Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 369 n. 60.


(Gianfranco Sperati)