Scheda n.310 - Maggio 2012 - Riferimenti n. 987
HEBELOMA MESOPHAEUM (Pers.) Quèlet
hebeloma_mesophaeum_gs_20120428_1202531916.jpg






foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus fastibilis var. mesophaeus Persoon 1828, Agaricus hebelomatoides Secretan 1833, Agaricus mesophaeus Fries 1838, Agaricus strophosus Fries 1838, , Inocybe mesophaea (Pers.) P. Karsten 1879, Hylophila mesophaea Quèlet 1886, Hebeloma mesophaeum var. minus Cooke 1886, Hebeloma strophosum (Fr.) Saccardo 1887, Hylophila versipellis var. mesophaea Quèlet 1888, Inocybe versipellis var. mesophaeus (Pers.) S. Petersen 1911, Hebeloma flammuloides Romagnesi
1983, Hebeloma mesophaeum var. strophosum (Fr.) Quadraccia 1985.
Etimologia
Hebelomacon l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
mesophaeum = con il centro scuro (dal greco mèsos = centrale, mediano e falòs = oscuro).
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sottogenere: Hebeloma, Sezione: Hebeloma, Specie: mesophaeum.
Commestibilita'
Non commestibile.
Descrizione
Il Genere Hebeloma è particolarmente complesso e comprende funghi, omogenei e terricoli, di varie dimensioni, con cappello color bruno o nocciola, di solito più scuro al centro e sfumato verso l'orlo, con cuticola spesso umida o leggermente vischiosa. Elementi importanti per la determinazione delle specie ascritte a questo genere sono le spore color caffè-latte o nocciola più o meno imbrunente che tingono le lamelle e l'odore terroso o di ravanello o rafanoide (salve alcune eccezioni) ed il sapore amarognolo della carne.
Hebeloma mesophaeum
è forse la specie, di taglia medio-piccola, che più facilmente consente la sua identificazione per avere il cappello con colorazioni di fondo bruno-giallognole ma con il centro irregolarmente macchiato di bruno scuro, quasi nerastro.
Il cappello, inizialmente campanulato-convesso, si espande fino ad un diametro di circa 7 centimetri, divenendo pianeggiante e talvolta depresso. La cuticola è vischiosa con l'umido, giallo ocracea ma bruno nerastra al centro e più chiara verso il margine; quest'ultimo può a volte essere, in gioventù, decorato da residui velari giallognoli.
Le lamelle, mediamente fitte, sono smarginate, da prima grigiastre ma poi bruno-nocciola con la maturazione delle spore, con filo biancastro.
Il gambo è cilindrico, cavo, biancastro, percorso verticalmente da fibrille brunastre e spesso ornamentato da bande giallognole, residui del velo generale e di una fugace cortina, più scuro al piede.
La carne, sottiòe, da biancastra diviene poi color bruno-ruggine. Debole odore rafanoide e sapore amaro.
Spore ellittiche, reniformi, più o meno verrucose, 9 / 10,5 x 4,5 / 6 μm. Sporata color tabacco.
E' un fungo autunnale, abbastanza comune nelle pinete di montagna (ma cnhe nei parchi e nei giardini, dove cresce gregaria, a volte in colonie numerose.
Possibilita' di Scambio
H. mesophaeum si riconosce facilmente per la tipica colorazione pileica. Altri Hebelomi con cappelli più intensamente colorati al centro sono H. strophosum (Fr.) Saccardo il cui cappello è però a lungo campanulato, H. cistophillum Maire e H. pusillum J.E.Lamge che però hanno dimensioni molto ridotte. Secondo qualche Autore sarebbe possibile scambiare H. mesophaeum con il commestibile Marasmius oreades (Bolt.) Fries: quest'ultimo tuttavia ha lamelle molto spaziate e bianco-crema ed una stipite, duro e tenace, della consistenza del picciolo di una ciliegia.
Bibliografia
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol.5, pag. 795;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 95;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 712;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 105 n. 369, tav. 32/3;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 256;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 633;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 107 in nota;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 158 n. 395;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. fig. ;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 458;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 134A;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 358;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 245, fig. 378;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 450;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 336;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 356;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 137;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 178;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 124, tav. 78/2;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 149 n. 141 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 230;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 109;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 171;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 127;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 988 n. 1351;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 286, foto 886;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1 pag. 239 n. 167;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 304 n. 987;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 432, tav. 419 ;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 210;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 281;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n.280;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 330;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 93;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 644;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 509, foto 469
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 157;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 122;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 294;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 259;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 256;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 352 n. 970;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 159.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 234;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 176, n. 519.

(Gianfranco Sperati)